Lo strano caso di Phineas Gage: intervista a Sarah MacPherson

Nel 1848 Phineas Gage, durante i lavori di costruzione di una ferrovia, rimase colpito da un’asta di ferro che gli trapassò il cranio. In seguito all’incidente, l’uomo cambiò totalmente personalità. Ne parliamo con Sarah MacPherson, Senior Lecturer presso l’Università di Edimburgo. Intervista e traduzione a cura di Sebastiano Costa

Grazie Sarah MacPherson per questa intervista, prima di iniziare raccontaci qualcosa di te. Sappiamo che hai cominciato durante il tuo dottorato di ricerca ad occuparti degli aspetti comportamentali legati alle lesioni del lobo frontale. Raccontaci questo tuo percorso e dicci cosa fai adesso.

Sono Senior Lecturer in Neuroscienze Cognitive Umane presso l’Università di Edimburgo, nel Regno Unito. Più di venticinque anni fa, quando ho partecipato alla mia prima lezione di psicologia, che descriveva l’incidente di Gage e il cambiamento di personalità che ne è seguito, mi sono interessata allo studio delle funzioni del lobo frontale. Ricordo di essere rimasta affascinata dal fatto che qualcuno potesse sopravvivere a un simile incidente, ma anche di come il danno al lobo frontale avesse potuto provocare un cambiamento di personalità. Da lì è iniziata la mia passione per la comprensione delle funzioni del lobo frontale. Ho poi svolto un dottorato di ricerca in cui ho esaminato, sotto la supervisione dei Professori Sergio Della Sala e Louise Phillips, il ruolo che le diverse regioni del lobo frontale giocano sul funzionamento cognitivo e sociale. Da allora, la mia ricerca ha continuato a concentrarsi sulla comprensione e la valutazione delle funzioni del lobo frontale, attraverso lo studio di pazienti con lesioni del lobo frontale focale e demenza, nonché sull’invecchiamento di adulti sani. Insieme a Sergio Della Sala, sono coautrice di “The Handbook of Frontal Lobe Assessment” (2015), che discute le funzioni valutate dai test del lobo frontale e fornisce una comprensione delle regioni frontali che potrebbero essere compromesse nei gruppi di pazienti. Oggi l’uso del termine “lobi frontali” è troppo generico per essere significativo, considerando l’esistenza del concetto di frazionamento delle funzioni del lobo frontale. Discutere i cambiamenti del lobo frontale non ha valore; le relazioni neuroanatomiche / funzionali sono molto più complesse.

Il caso di Phineas Gage è uno dei più famosi riportati nei libri di testo di neuropsicologia. Potresti descriverlo brevemente e spiegarci perché è considerato così importante?

Phineas Gage era un appaltatore di 25 anni che lavorava come caposquadra per una società di costruzioni che stava preparando una linea ferroviaria vicino a Cavendish nel Vermont. La preparazione prevedeva l’esecuzione di esplosioni controllate praticando dei fori nella roccia, inserendo una miccia di sicurezza nel foro insieme alla polvere da sparo, compattandola con una lunga asta di ferro chiamata ferro di pigiatura con colpi delicati ma fermi prima di posizionare sabbia o argilla sulla carica e poi pigiando nuovamente. Infine, la miccia veniva accesa da una distanza di sicurezza. Nel pomeriggio del 13 settembre 1948, Gage aveva ordinato al suo assistente di versare sabbia sopra la polvere da sparo; purtroppo la sabbia non venne aggiunta. Gage si distrasse girando la testa verso i suoi uomini e lasciò cadere il ferro di pigiatura direttamente sulla polvere da sparo. L’asta di ferro lunga 3 piedi e 7 pollici (1 metro e 10 centimetri circa) colpì una roccia, provocando una scintilla che accese la carica esplosiva, facendo viaggiare l’asta di pigiatura attraverso la testa di Gage, prima di uscire e atterrare a 20-25 m di distanza. Con sorpresa di tutti, Gage non sembrava perdere conoscenza e pochi minuti dopo fu in grado di camminare e parlare.

Penso che il “caso Crowbar” abbia catturato l’attenzione della gente perché Gage è sopravvissuto a un incidente a cui nessuno si aspetterebbe di sopravvivere. Molte delle sue capacità cognitive apparivano inalterate, incluso il suo linguaggio e le sue funzioni sensoriali e motorie. Subito dopo l’incidente, Gage è stato descritto come avente una mente “lucida”, era in grado di descrivere accuratamente l’incidente e poteva camminare. È riuscito a riconoscere sua madre e suo zio quando arrivarono il giorno successivo. Ha anche insistito sul fatto che sarebbe tornato a lavorare entro pochi giorni! In generale, nella prima metà del Diciannovesimo secolo, era stato ampiamente accettato che il danno ai lobi frontali avesse conseguenze meno marcate rispetto ad altre regioni del cervello. Tuttavia, frenologi come Franz Josef Gall avevano sostenuto la localizzazione di alcune funzioni in specifiche regioni del cervello. Gage è stato il primo caso a suggerire che i lobi frontali svolgono un ruolo importante nel nostro comportamento e il danno a questa regione si traduce in cambiamenti fondamentali nella propria personalità.

La prima domanda che viene in mente in una situazione come questa è come sia possibile che sia sopravvissuto a un incidente del genere.

All’inizio, la comunità medica era decisamente scettica sul caso descritto da Harlow, poiché la lesione cerebrale di Gage era più grave di qualsiasi altra lesione a cui chiunque altro fosse mai sopravvissuto. Sebbene Gage sia sopravvissuto, è stato estremamente malato per le successive 10 settimane dopo l’incidente, vivendo periodi di delirio e coma. Sicuramente il medico di Gage, John Martyn Harlow, non credeva che Gage sarebbe sopravvissuto – a Gage erano state persino prese le misure per la sua bara. Tuttavia, è probabile che diversi fattori abbiano portato alla sopravvivenza di Gage. Il fatto che ferro di pigiatura fosse particolarmente acuminato e levigato, così come la velocità con cui ha viaggiato attraverso il suo cervello, potrebbero aver ridotto il danno cerebrale. Un altro fattore importante era che il punto di ingresso dell’asta nel cranio creava un drenaggio naturale per la ferita. Infine, anche il trattamento immediato e l’assistenza post-incidente forniti dal dottor Harlow sono stati incredibilmente magistrali. Ha ripulito i frammenti ossei dal cervello di Gage e rimosso il tessuto cerebrale che sporgeva dalla ferita, oltre a lasciare una parte della ferita aperta prima di applicare un leggero bendaggio. Ha svolto il “prelievo di sangue” per rimuovere il sangue in eccesso e qualsiasi elemento che potesse causare infiammazione, ha anche prescritto farmaci che stimolano vomito e defecazione accelerata, come drenanti di un ascesso. È probabile che la combinazione di metodi di trattamento tradizionali ed innovativi svolta da Harlow abbia contribuito alla sopravvivenza di Gage.

Quali aree del cervello sono state quindi danneggiate e cosa ha comportato questo nella sua vita? Come è stata la vita di Phineas Gage dopo questo incidente? Cosa si sa di lui? Quali conseguenze ha avuto il danno cerebrale nella sua quotidianità?

C’è ancora un dibattito aperto sulle aree specifiche del cervello che sono state danneggiate a causa dell’incidente di Gage. Nell’Ottocento, non avevano la tecnologia per scansionare il cervello di Gage e potevano solo provare a determinare le regioni coinvolte attraverso lo studio dello stesso Gage e poi del suo cranio dopo la sua morte. Nessuna autopsia è stata condotta su Gage. Henry Jacob Bigelow, un professore che si è interessato al caso di Gage, ha persino praticato dei fori in un cranio per cercare di replicare la ferita di Gage. Sebbene sia generalmente accettato che il ferro di pigiatura abbia fatto un percorso ad angolo, spostandosi verso l’alto e all’indietro, è difficile determinare con esattezza da dove sia entrato ed uscito dal cranio di Gage. Il nuovo osso era cresciuto, riducendo le dimensioni del punto di ingresso e molto osso era stato distrutto dall’uscita del ferro di pigiatura. Probabilmente ci sono stati ulteriori danni causati dai frammenti ossei durante l’apertura alla base del cranio. Persino gli studi che coinvolgono le moderne tecniche di imaging si sono basati su delle stime piuttosto che sulla conoscenza dei punti di entrata e di uscita del ferro di pigiatura, nonché sulla sua traiettoria. Tuttavia, c’è consenso tra coloro che hanno studiato il danno cerebrale di Gage sul fatto che il suo lobo frontale sinistro sia stato distrutto. Risulta essere meno chiaro il coinvolgimento anche del lobo frontale destro o del lobo temporale anteriore sinistro e più recentemente sono state implicate anche le principali connessioni tra i lobi frontali e il resto del cervello di Gage.

Quello che sappiamo di Gage dopo il suo danno cerebrale è che non è mai stato in grado di tornare al suo lavoro come caposquadra poiché i suoi appaltatori consideravano il cambiamento nella sua personalità troppo impressionante. Dopo il suo recupero, Gage inizialmente ha viaggiato esibendo se stesso e il ferro di pigiatura, ma successivamente ha iniziato a lavorare con i cavalli e guidare carrozze; il suo lavoro più lungo in Cile, in Sud America, è durato 7 anni. Gage è sopravvissuto al suo danno cerebrale per quasi 11 anni e mezzo. Quello che possiamo concludere è che, piuttosto che essere un vagabondo che è andato da un lavoro all’altro, Gage è stato in grado di mantenere un lavoro ed è stato impiegato per il resto della sua vita, quando la sua salute lo permetteva. Tuttavia, non era più in grado di mantenere un lavoro con lo stesso livello di responsabilità che aveva prima dell’incidente.

La sua personalità è veramente cambiata in modo così netto a seguito dell’incidente? Quali prove sono state raccolte delle conseguenze neuro-psicologiche causate dal danno cerebrale?

Poco si sapeva della personalità di Gage prima dell’incidente; Harlow lo ha descritto solo come “un uomo d’affari scaltro e intelligente, molto energico e tenace nell’eseguire tutti i suoi piani operativi”. Non era incline a imprecare e i suoi appaltatori “lo consideravano il caposquadra più efficiente e capace al loro servizio”. Quindi è attraverso le note di Harlow sul caso, che furono presentate nei suoi rapporti del 1848 e del 1868, che possiamo comprendere i cambiamenti di personalità di Gage dopo l’incidente. Circa 20 anni dopo, Harlow scrisse che Gage aveva sperimentato un cambiamento duraturo della personalità. Gage è stato descritto come

“irregolare, irriverente, a volte indulgente nella più grossolana volgarità (che in precedenza non era sua abitudine), manifestante poco rispetto per i suoi colleghi, intollerante alla moderazione o alle raccomandazioni quando in conflitto con i suoi desideri, a volte persistentemente ostinato, peraltro risulta capriccioso ed instabile, escogita molti piani per iniziative future, che vengono abbandonati prima di essere attuati a favore di altri che a loro volta sembrano più fattibili. Un bambino, nelle sue manifestazioni e capacità intellettuali, ma con le passioni animali di un adulto vigoroso “.

Gage è stato descritto come “non più Gage”.

Diversi altri autori hanno scritto sulla vita di Gage dopo l’incidente, ma i loro rapporti hanno spesso incluso esagerazioni o false dichiarazioni (ad esempio, che Gage fosse un ubriacone, un mostro da circo, un vagabondo). È solo attraverso Harlow che possiamo comprendere in modo affidabile il cambiamento di personalità di Gage – mentre risulta chiaro che il cambiamento sia effettivamente avvenuto, è stato forse meno estremo di quanto suggerirebbero altre fonti.

È inoltre possibile trovare esempi di altri pazienti che hanno subito modifiche simili a quelle di Gage. Ad esempio, Eadweard J. Muybridge, uno dei fotografi più importanti del 19° secolo, ha subito cambiamenti di personalità dopo un trauma cranico causato da un incidente in diligenza. In seguito, Muybridge è diventato più eccentrico, irritabile, più incline a prendere decisioni rischiose, ed è stato spesso descritto come tendente ad incontrollabili esplosioni. È stato persino assolto dall’omicidio dell’amante di sua moglie Flora (e padre di suo figlio), dopo che i suoi amici hanno testimoniato che era un uomo diverso dopo l’incidente.

All’inizio del Ventesimo secolo, lo psichiatra italiano Cesare Agostini pubblicò un rapporto che descriveva il sostanziale cambiamento di personalità vissuto da P. Vincenzo, un operaio di 47 anni. Vincenzo è stato descritto come una persona che è diventata irritabile, irascibile e di cattivo umore e coinvolta in comportamenti criminali, ha persino accoltellato a morte un operaio stradale dopo una piccola discussione su una carriola. Noi stessi abbiamo visto e descritto nella letteratura scientifica diversi pazienti che hanno mostrano cambiamenti comportamentali.

C’è anche il tanto acclamato lavoro di ablazione frontale di Leonardo Bianchi, il neuropatologo italiano che ha fondato la Società Italiana di Neurologia, che ha fornito l’unica prova moderna attraverso le osservazioni su cani e scimmie. Scrive Bianchi,

“il lobo frontale utilizza, per l’intelletto ed il comportamento, i prodotti, sensoriali e motori, delle elaborazioni che avvengono in altre aree della corteccia. È l’organo di sintesi consapevole e storica delle due grandi risorse della mente: quella somatica-emotiva e quella cognitiva.”

Quindi, possiamo concludere che il cambiamento di personalità di Gage non è stato certamente un’eccezione. Egas Moniz, neurologo portoghese e vincitore del Premio Nobel nel 1949, ha utilizzato questo cambiamento di personalità quando ha ideato la famigerata lobotomia frontale come trattamento per la malattia mentale, che è stata poi sostenuta da altri come Walter Freeman. I sostenitori della lobotomia credevano che, se una persona con un carattere tranquillo poteva diventare turbolento e odioso a seguito di un danno al lobo frontale, qualcuno con una malattia mentale – sottoposta a una lobotomia – poteva diventare mite. In effetti, la maggior parte dei pazienti diventava completamente apatica, come descritto in “Qualcuno volò sul nido del cuculo“. Quindi la procedura chirurgica ha cambiato la loro personalità come desiderato, ma forse un po’ troppo.

A volte, dopo un evento straordinario, è facile che compaiano descrizioni mitologiche che confondono i fatti. Questo può essere uno di quei casi? In particolare, diversi popolari articoli sostengono che i bizzarri episodi della sua vita siano stati notevolmente esagerati. La fonte è “An Odd Kind of Fame“, di Malcom MacMillan…

MacMillan è un’autorità indiscussa su Gage poiché è una delle poche persone che ha dedicato tempo a cercare e leggere i documenti disponibili relativi a Gage, il che è un lavoro impressionante! Il libro di MacMillan copre tutti gli aspetti della sua affascinante storia. È chiaro che alcune delle informazioni che circondano Gage e il suo incidente sono effettivamente errate o notevolmente arricchite. Sia gli articoli divulgativi che quelli scientifici si sono resi colpevoli di questo processo, ed in questo modo le storie sulla sorte di Gage continuano a essere raccontate in modo errato. Nella maggior parte dei casi, gli articoli riportano piccoli errori sulla vita di Gage prima del suo incidente (ad esempio, stava costruendo una strada piuttosto che una linea ferroviaria), minimizzano o non descrivono la sua guarigione, o esagerano o minimizzano il suo cambiamento di personalità. Immagino che probabilmente la storia risulti più teatrale se Gage si fosse ripreso completamente senza alcun trattamento, o fosse diventato più intelligente dopo il suo incidente, o se il suo cambiamento di personalità fosse stato sproporzionato, o non fosse più stato in grado di mantenere un lavoro, o se fosse diventato famoso ed avesse guadagnato molti soldi dal suo incidente. Una fonte ha persino fatto vivere Gage con il ferro incorporato nel cranio per il resto della sua vita! La verità è che non sappiamo molto di com’era Gage prima o dopo il suo incidente, tranne che per la lettura dei rapporti di Harlow. Le imprecisioni associate alla storia di Gage sono dovute ad ignoranza, perché qualcuno non ha letto il rapporto di Harlow del 1868, oppure lo ha letto, ma lo ha ignorato perché non si adattava a come avrebbe dovuto essere Gage in relazione ad altri pazienti o teorie studiati in seguito.

Il fatto che alcune pseudoscienze come la frenologia si siano occupate di questa storia, può aver avuto un ruolo nella promozione di questa visione “mitologica” di Phineas Gage?

La storia di Gage NON è sicuramente pseudoscienza. La maggior parte delle osservazioni rimangono vere anche sotto esami di approfondimento. Tuttavia, le esagerazioni e le distorsioni dovrebbero essere modificate, e questo è ciò che fa la scienza: continua a correggersi. Ciò è contrario alle pseudoscienze, che rimangono invariabilmente le stesse, anche di fronte a prove contrarie. È vero, tuttavia, che troppo spesso ci affidiamo a fonti secondarie, così come i libri di testo, e diamo per scontate informazioni che non sono state verificate. Grazie a MacMillan, i dettagli del caso di Gage sono stati verificati. È importante che comprendiamo i fatti su Gage, per apprezzare appieno il significato del suo caso.

Quale lezione può insegnarci la storia di Phineas Gage e il mito che si è sviluppato intorno a lui? Se ce ne sono, ovviamente…

Nonostante parte del folklore che circonda Gage, il suo caso gioca ancora un ruolo importante nella nostra comprensione delle funzioni cerebrali. La sua storia ha supportato l’idea emergente che le funzioni del cervello potrebbero essere localizzate in specifiche regioni del cervello. In particolare, il caso di Gage è stato il primo a dimostrare che il cambiamento di personalità è una caratteristica della patologia del lobo frontale. Più di 150 anni dopo la pubblicazione del rapporto di Harlow, rimane il secondo lavoro più citato nei libri di testo di psicologia.

In conclusione, cosa è vero e cosa non lo è nella narrazione della vita di Phineas Gage?

È importante notare che i resoconti dell’incidente di Gage trovati in libri di testo, monografie e lavori sul cervello e sul comportamento tendono a riportare accuratamente fatti come la dimensione del ferro di pigiatura, l’esplosione, la durata e le difficoltà del trattamento di Gage e che il suo comportamento era cambiato dopo l’incidente. Pertanto, penso che sia sicuro concludere che Gage sia stata una persona estremamente fortunata a sopravvivere, ma sfortunata a essere coinvolta in un incidente in cui un ferro di pigiatura gli è penetrato nel cranio e ha danneggiato il suo lobo frontale con conseguente cambiamento di personalità. Sono i dettagli associati al cambiamento di personalità di Gage che spesso non sono veri (cioè la persona che è diventato), e la sua storia di vita precedente e quella successiva. Nonostante ciò, mentre alcune parti della storia di Gage sono state esagerate in una forma o nell’altra, il fatto che avesse una lesione cerebrale frontale che ha prodotto un deficit nella sua personalità è certamente vero. Il rapporto di Harlow ha fornito un “brillante inizio” per comprendere il coinvolgimento dei lobi frontali nelle emozioni.

Immagine da Wikimedia Commons, licenza CC BY 2.5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.