Sette cose da ricordare quando vi viene la tentazione di provare l’omeopatia

Articolo originale: Seven things to remember when you are tempted to try homeopathy di Edzard Ernst. Si ringrazia Sonia Ciampoli per la traduzione.

Questo post è dedicato a Sua Altezza Reale il Principe di Galles, che festeggia oggi [16 novembre n.d.t.] il 66mo compleanno e ha sostenuto l’omeopatia per tutta la vita.

Come il principe Carlo, molti sono sostenitori dell’omeopatia, in particolare in India, Germania, Francia e alcune zone del Sud America. Avendo a disposizione così tanti tipi di cure, è importante che le scelte terapeutiche vengano effettuate con la piena conoscenza degli elementi cruciali. Al fine quindi di aiutare un processo decisionale basato sui fatti e le prove, sintetizzerò alcuni punti che forse vale la pena di prendere in considerazione prima di provare l’omeopatia – che sia comprando rimedi da banco o consultando un omeopata.

1) L’omeopatia è stata inventata da Samuel Hahnemann, un dottore tedesco molto carismatico, circa 200 anni fa. A quei tempi, la nostra conoscenza delle leggi di natura era deplorevolmente incompleta, di conseguenza le idee di Hahnemann sembravano molto meno implausibili di quanto non appaiano ora. Inoltre, le cure standard del periodo erano spesso più pericolose delle malattie che avrebbero dovuto curare, e l’omeopatia veniva ripetutamente mostrata come migliore dell’ “allopatia” (termine coniato da Hahnemann stesso per insultare la medicina ufficiale). Per questo le cure di Hahnemann ottenero un immediato successo mondiale. Quando, circa 100 anni dopo, furono scoperte terapie molto più efficaci, l’omeopatia scomparve quasi del tutto, per essere poi riscoperta nella nazioni del Primo Mondo, quando i baby-boomer iniziarono la loro recente storia d’amore con la medicina alternativa.

2) Molti confondono l’omeopatia con la fitoterapia, ma le due cose sono profondamente diverse. Le medicine fitoterapiche sono estratti di piante contenenti ingredienti potenzialmente attivi. I rimedi omeopatici possono essere derivati dalle piante (o da qualsiasi altra cosa, se è per questo), ma sono talmente diluiti che possono arrivare a non contenere assolutamente nulla.
La diluzione usata più frequentemente (gli omeopati la chiamano “potenza”) è una C30: è stata cioè diluita 30 volte in un rapporto di 1:100. Questo significa che una goccia del prodotto di partenza viene dissolta in 1 000 000 000 000 000 000 000 000 000 000 000 000 000 000 000 000 000 000 000 000 di gocce di diluente. Il che equivale a una molecola di sostanza per tutte le molecole di molte migliaia di universi.

3) Gli omeopati sanno perfettamente tutto questo, e perciò dichiarano che i loro rimedi non funzionano tramite effetti farmacologici, ma attraverso una qualche “energia” o “forza vitale”. Sono convinti che il processo di preparazione delle diluizioni omeopatiche (scuotono la mistura a ogni successiva diluizione) trasferisca dell’energia vitale da un passaggio all’altro. Citano ogni genere di fantasiose teorie sulle modalità con cui avverrebbe questo “trasferimento energetico”, ma nessuna accettata dalla comunità scientifica.

4) I rimedi omeopatici sono prescritti solitamente sulla base del principio “ogni simile cura il suo simile”. Ad esempio, se soffrite di lacrimazione un omeopata potrebbe prescrivervi un rimedio a base di cipolla, perché la cipolla fa lacrimare gli occhi. Questo e tutti gli altri assunti di base dell’omeopatia contraddicono le leggi di natura così come le conosciamo. In altre parole, non solo non è possibile capire come funzioni l’omeopatia, ma comprendiamo che non può funzionare a meno che le leggi di natura conosciute non siano sbagliate.

5) I trial clinici per l’omeopatia concordano ampiamente con questi assunti scientifici di base. Ad oggi, sono stati pubblicati più di 200 studi: se guardiamo all’insieme di queste evidenze, non possiamo che concludere che i rimedi omeopatici sono soltanto placebo.

6) Questo è chiaramente in contrasto con quanto viene sostenuto dagli appassionati di omeopatia. Giurano che funzioni e che li abbia aiutati (o abbia aiutato l’animale domestico, la zia, il figlio, etc) più e più volte. Le prove più significative in nostro possesso al momento dimostrano che tali miglioramenti non sono legati al rimedio in sé, ma sono il risultato dell’empatico e coinvolgente incontro con un omeopata, dell’effetto placebo e di altri fattori combinati che gli esperti chiamano “di contesto”.

7) La convinzione universale che l’omeopatia sia completamente priva di rischi non è corretta. Il rimedio in sé può essere innocuo (a parte, ovviamente, i danni provocati alle vostre finanze, e il fatto che sciocchezze irrazionali su “energie vitali” e simili minino la razionalità in generale), ma questo non necessariamente è vero anche per l’omeopata. Quando gli omeopati, come spesso fanno, consigliano ai pazienti di sospendere le cure “ufficiali” per malattie gravi, mettono in pericolo le loro vite. Questo fenomeno è documentato, per esempio, in relazione ai vaccini. Qualsiasi trattamento non porti risultati provati, anche se comporta rischi minimi, può procurare solo più danni che benefici.

79 pensieri riguardo “Sette cose da ricordare quando vi viene la tentazione di provare l’omeopatia

  • Pingback:Per star benone bevi acqua e limone! | / ca gi zero /

  • 16 Agosto 2016 in 10:56
    Permalink

    Meglio l’omeopatia della vostra falsa scienza. Meglio un placebo di un farmaco con PESANTISSIMI effetti collaterali. Se non erro anche con i farmaci tradizionali esiste l’effetto placebo. Gli studi in doppio cieco non vi ricordano nulla?
    A proposito quanti farmaci annualmente vengono ritirati dal commercio perchè, sull’uomo, fanno male? Come mai visto che con la vivisezione erano risultati non pericolosi?
    La scienza è la vivisezione? Bella scienza. Fate ammalare specie completamente diverse di malattie che non prenderebbero mai e poi li curate con farmaci nuovi che a loro non danno effetti collaterali. Sull’uomo però, visto che è diverso, li danno eccome.
    Comunque l’omeopatia viene spiegata OTTIMAMENTE con la meccanica quantistica.
    Se le cose voi non le conoscete o non riuscite a spiegarle non è detto che non possano succedere. Secondo il vostro modo di ragionare, altamente arcaico e limitato, le più grandi scoperte scientifiche non ci sarebbero state! Io non posso spiegare quindi non esiste. GALILEO, però, la pensava diversamente.

  • 18 Dicembre 2014 in 18:42
    Permalink

    @Aldo Grano sugli studi di Elia
    Elia trova che l’acqua 12CH è differente dall’acqua di partenza. Qualche volta ha resistività differente, qualche volta ha differenti altre prorpietà: LO STESSO succede per l’acqua succussa, cioé ad una diuizione 12CH di ACQUA.

    Se ne possono trarre diverse conclusioni, poco conclusive a dir la verità:
    – il processo è molto aleatorio. Cosa succeda veramente non lo sa neppure Elia, che non riesce ad avere risultati riproducibili
    – il processo NON dipende dal fatto di avere una soluzione omeopatica, ma dall’aver agitato l’acqua.

    Ora possono succedere molte cose agitando l’acqua. Entra in soluzione dell’aria. Può variare la concentrazione degli ioni di acido silicico (estremamente insolubile, ma gli effetti sono MOTO PICCOLI). Possono succederne altre che a me non vengono in mente. Possiamo essere in presenza di un fenomeno nuovo ed interessante, ma non particolarmente rilevante per l’omeopatia, visto che non dipende da cosa in quell’acqua ci avevo inizialmente messo.

    E COMUNQUE l’omeopatia è un sistema ideologico profondamente incompatibile con la scienza ANCHE se esistesse la memoria dell’acqua. Il principio del simillimus non è mai stato dimostrato. Tutto il proving omeopatico (vedi articoli precedenti) è basato sul nulla, sui sintomi casuali che il prover rileva dopo aver assunto un po’ di zucchero. I metastudi di studi clinici omeopatici (cito Linde, un omeopata) mostrano che “l’omeopatia non è più efficace del placebo per nessuna patologia specifica”.

  • 18 Dicembre 2014 in 12:55
    Permalink

    ALdo basta molto meno,facci trovare qualche molecola di principio attivo .Avogadro ringrazia.ciao

  • 16 Dicembre 2014 in 22:11
    Permalink

    siamo sicuri che sugli animali (e qualcuno dice anche qui bambini) l’effetto placebo non esiste?
    salvo di grazia non è d’accordo, e nemmeno io avendolo provato qui miei gatti con metodi placebo che li fanno calmare.
    http://medbunker.blogspot.com/2012/01/omeopatia-animali-e-bambini.html?m=1

    l’argomento che vorrei approfondire ma di cui non ho adeguate conoscenze è l’omeopatia sulle piante…

  • 16 Dicembre 2014 in 01:40
    Permalink

    Mi spiace ma dissento almeno parzialmente.
    Non voglio dire che l’omeopatia curi tutte le casistiche, ma alcune sicuramente sì.
    Oltre ad usarla con soddisfazione personalmente ( sempre con buon senso ) esiste un ramo di applicazione che non lascia adito a dubbi sull’efficacia, che vivo quotidianamente.
    Sono cavaliere di salto ostacoli e con mia sorpresa inizialmente vedevo in occasione delle competizioni, sopratutto internazionali, i veterinari autorizzati dalla FEI ( federazione internazionale equestre ) utilizzare farmaci quasi esclusivamente omeopatici in prossimità o durante le competizioni. Il motivo è presto detto: tutti gli altri farmaci chimici ed addirittura fitoterapici sono considerati doping sul cavallo.
    E qui non esiste effetto placebo, ovviamente… e con mia grande soddisfazione uso tali rimedi anche a casa lontano dalle competizioni, senza dover chimicare inutilmente i cavalli, sempre sotto controllo veterinario.

  • 7 Dicembre 2014 in 21:26
    Permalink

    Be’ Aldo le succussioni omeopatiche quelle originali, ovvero battere la soluzione su una Bibbia ricoperta di crine di cavallo e’ senza dubbio Hahnemanniana.ciao Aldo

  • 7 Dicembre 2014 in 18:30
    Permalink

    Aldo carissimo, soluzione per convincere uno scettico: prendi uno scettico e sottoponilo ad una vostra tanto cara “succussione 30ch”ohiiiiiiiiii che dici Aldo, cede? non cede?la memoria dello scettico vacillera’?Sempre senza offesa Aldo. Buona serata.

  • 3 Dicembre 2014 in 01:06
    Permalink

    Bhe questo è quello che un suo sostenitore scrive in un libro e che si legge in rete. Se la redazione di query sa qualcosa in merito,anche una smentita, è cosa gradita…

  • 3 Dicembre 2014 in 00:01
    Permalink

    Caro Il Santa (fai per caso Pazienza di cognome?) e Tu perché non leggi attentamente tutto il thread? Pare che il 51esimo, il 20 di Novembre, alle 17 e 28, abbia detto che questa offerta di “pubblica dimostrazione” il Prof. Elia l’ abbia già fatta al CICAP, ma che si siano dimenticati di rispondergli.

  • 2 Dicembre 2014 in 08:32
    Permalink

    Gentile dottor Grano, se siete così certi di riuscire a distinguere la vostra acqua magica dall’acqua di rubinetto perchè non ne date pubblica dimostrazione? Perchè non sfidate questi cattivoni del CICAP e gli sbattete in faccia i vostri dati? Perchè preferite cantarvela e suonarvela da soli facendo sempre la faccina dei poveri derelitti incompresi in balia delle cattive multinazionali del farmaco? Perchè se non sapete come funziona l’omeopatia siete così attenti a far seguire ai poveri pazienti che credono alle vostre favole una serie di regolette che a questo punto non solo assomigliano a dei rituali ma lei mi conferma lo sono davvero? Perchè poi quando conviene, economicamente intendo, le stesse regolette le cambiate in corsa voi “professionisti” omeopati?

  • 1 Dicembre 2014 in 14:16
    Permalink

    Caro 51esimo, facciamo un Armistizio: noi mettiamo in tutte le confezioni di Farmaci Omeopatici i 7 Memi di Edzard (tipo gli avvisi mortiferi sui pacchetti di sigari e sigarette) cosicché chi vuol cadere in tentazione e peccare gravemente contro la Salute e la Scienza in orgie Omeopatiche è come se firmasse un consenso informato. E Voi, in cambio, la piantate di romperci i Carillons e Vi dedicate alle Terme, agli Integratori Alimentari e ai prodotti per la Caduta dei Capelli. Ovviamente, per poter giustificare confezioni Omeopatiche grandi abbastanza da contener foglietti (i tubetti unicisti della Boiron e della Unda son troppo piccini) ci dovete anche autorizzare a mettere la posologia e le indicazioni. E le controindicazioni e gli effettti collaterali, che ci sono, checché ne diciate Voi e la Boiron. Altrimenti chi lo sente Starcruiser ?!

  • 1 Dicembre 2014 in 02:24
    Permalink

    comunque a me pare una diatriba infinita, a colpi di marketing. Pubblicità ingannevoli per prodotti omeopatici che si spacciano in tv per farmaci tradizionali. Le persone che conosco che usano l’omeopatia non sanno che cosa c’è dietro. E dentro. E spendono per la gioia delle multinazionali dell’omeopatia, e spesso l’affiancano ai farmaci comuni,per la gioia delle multinazionali della farmacia. Doppia spesa, stessa resa. Esperienza personale: dopo circa 2 anni di terapia convenzionale per un mio disturbo, senza risultati, il medico specialista mi dice dubbioso ma aperto alla possibilità di provare col l’omeopatia dato che altre cure la medicina ufficiale non ne aveva da propormi. L’omeopata si è invece dimostrato in gamba e fiducioso. Io ero ignorante nella materia, non sapevo cosa fosse,ma dopo circa 1 anno e mezzo di palline e gocce omeopatiche e visite a pagamento il risultato è stato solo quello di sgonfiare il portafoglio. Se il medico specialista mi avesse semplicemente detto di tenermi la malattia almeno avrei risparmiato i soldi (magari poi li avrei spesi per un viaggio a Lourdes) 😉

  • 30 Novembre 2014 in 23:37
    Permalink

    Cara Marisa, se mi vuoi dar del Tu Te lo concedo e puoi chiamarmi Aldo. Ma se mi vuoi dar del Lei, specialmente nel modo in cui me l’ hai dato ora, ricordati di chiamarmi Dottore e non signore, perché ho una Laurea in farmacia.

  • 30 Novembre 2014 in 22:09
    Permalink

    Ma che sciocchezze blatera signor Grano ,con le sue ipotesi mi sembra di tornare al medioevo !!,Evitate di consigliare acqua fresca a due milioni al litro a creduloni e fobici !!Una mia amica ha perforato il timpano al bambino per curarlo con le vostre medicine senza fondamento ne principio attivo e ne vedo di danni nella mia professione causati da queste goccine costose ed inutili ,per quanto riguarda i farmaci exaiuvantibus o che agiscono per induzione psicologica la storia è completamente diversa ,sicuramente il sistema nervoso esplica un azione similafarmaco, ma questo non vuol dire che sia merito delle vostre costosissime diluizioni

  • 30 Novembre 2014 in 17:13
    Permalink

    Non abbiamo intenzione di sabotare la Scienza, cara Valeria, ed è proprio questo che Voi del CICAP non volete accettare. Perché per Voi la scienza (la metto stavolta minuscola apposta) è la Vostra scienza, quella asservita all’ ideologia e alla filosofia della Natura fatta solo di Chimica e Fisica ed esprimibile mediante formule matematiche. Non è un caso che tra i Vostri Soci i Medici siano una infima minoranza. Non c’è dubbio che i Farmaci Omeopatici non funzionino grazie alle leggi della Biofase e nemmeno in base a quelle, molto più vecchie, della Dose Minima Efficace. Attenta però, che nemmeno un Farmaco normalissimo funziona SOLO in base a queste leggi, altrimenti, sapendo peso, età e superficie corporea del Paziente, avremmo sempre un risultato prevedibile iniettandogli una dose di farmaco, e così non è. Il fatto che ancora non abbiamo scoperto le basi fisiche e biochimiche del funzionamento dei farmaci Omeopatici non ci impedisce, però, di verificarne il buon funzionamento (e non ci impedisce nemmeno di riuscire a dimostrare che la diluizione di un farmaco in acqua depurata a dosi omeopatiche superiori alla 12 CH è fisicamente diversa dall’ acqua usata in partenza, cosa apparentemente contraria alle Leggi della Fisica e della Chimica che attualmente conosciamo ); e solo la coalizione periodica di un certo numero di Studiosi contrari all’ Omeopatia per Ideologia, per fare una Metaanalisi pilotata, Vi consente, ancora, di difendere l’ ultima linea di difesa, che è quella di sostenere che le prove che dimostrano che il loro effetto è superiore all’ effetto di un Placebo non sono sufficienti. Prima dicevate che l’ Omeopatia non può funzionare e basta. Oggi solo chi non pubblica su riviste scientifiche e non è Laureato in Medicina osa affermarlo ancora. A proposito, l’ effetto Placebo, al quale, quando Vi conviene, Vi attaccate tanto da sostenere quasi che è pari a quello di un farmaco allopatico, obbedisce alle Leggi della concentrazione utile alla Biofase, o alla Dose minima efficace, o a qualunque Legge della Fisica o della Chimica?

  • 30 Novembre 2014 in 11:05
    Permalink

    Ma possono formare tutti i legami a idrogeno che possono, a patto che in una soluzione cosí diluita le molecole di soluto si vedano, e non lo escludo. Lo zero in chimica non esiste, e una molecola ogni miliardo di miliardo ci sarà pure. Ma uno dei princípi della chimica farmaceutica, amena disciplina che ha finalmente razionalizzato i meccanismi dei quali stiamo a discutere qui e ci è arrivata solo nel ‘900 inoltrato, è la CONCENTRAZIONE UTILE ALLA BIOFASE. La biofase è il sito bersaglio del farmaco. Perché i medicinali veri e propri nelle formulazioni tengono conto di quest’aspetto e ne assumiamo dosi diverse in base a peso, età, ecc.? Perché ci sono studi molecolari e farmacologici dietro che ci hanno fatto capire che le nostre biomacromolecole (recettori o sistemi enzimatici o nucleo cellulare) devono essere saturati in una certa percentuale affinché si abbia la risposta biologica. Ovvero l’effetto. Signori, c’è razionalità, c’è impegno dietro la conoscenza, c’è tanto che abbiamo capito e tantissimo da capire ancora. Ma restiamo lucidi per favore, non sabotiamo la scienza.

  • 28 Novembre 2014 in 15:24
    Permalink

    Aldo grazie per il link su “Domande frequenti e risposte sull’Omeopatia, da parte della Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata”. Sinceramente non leggevo una cosa cosi’ divertente da anni. Dalla prima domanda: “Come funzione l’omeopatia?” Risposta: ” Non lo sappiamo!” Fino al dire OK ai vaccini, purche’ accompagnati da medicine omeopatiche.

  • 28 Novembre 2014 in 12:38
    Permalink

    Caro Dr. Nardone, Tu non puoi far finta di non capire quello che dice il Prof: Elia e quello che Ti ho già spiegato io sulla cantonata di Claudio (l’ altro). Gli studi di Elia non intendono dimostrare i ruoli del solvente e del soluto, ma che, nonostante le Leggi della Fisica e della Chimica ci dicano che, alla fine di una diluizione alla 30 CH fatta secondo la metodica Omeopatica, l’ acqua depurata non è diversa da quella di partenza, si possono invece misurare differenze di proprietà che dimostrano che è un’ acqua diversa. Consiglio: 1) leggi con attenzione, perché i Tuoi pregiudizi Ti portano a vedere quello che vuoi vedere, non quello che c’ è scritto 2) avete in squadra un valido Chimico, il Prof. Luigi Garlaschelli; fatti spiegar da lui quali errori fa Elia e, a quel punto o scrivete una lettera alle riviste che ne hanno pubblicato i lavori o rifate gli stessi lavori facendo venir fuori risultati che non convalidano i risultati di Elia; inviateli allora a queste riviste perché pubblichino il lavoro a dimostrazione che non è ripetibile. La prassi della “Comunità Scientifica” è questa. Nel caso volessi perdere una mezzoretta, qui il Prof. Elia espone le sue tesi a un Congresso di Omeopatia a Firenze, cui fui presente. E’ in tre parti, Ti linko la prima, le altre due le trovi a fianco:

  • 28 Novembre 2014 in 07:07
    Permalink

    Quando ho letto questo articolo ho voluto semplicemente raccontare cosa ci spinse a percorrere strade alternative. La “fesseria dell’osteosarcoma”, come ha scritto quel Gianni P., spero che non la provi mai in prima persona e tanto meno che non la provi una persona che adora.
    Dovrei considerare meno di niente quanto ha scritto e sarebbe cosa migliore se non gli dessi nessuna importanza, ma evidentemente non mi riesce.
    Inoltre io eviterei di scrivere qualsiasi cosa se decidessi di non firmarmi per esteso.

  • 28 Novembre 2014 in 00:40
    Permalink

    Mi sembra che non abbia risposto al punto se non con le solite chiacchiere.
    1) ruolo del solvente e/o del principio attivo
    2) se quel che conta sarebbero i legami idrogeno (secondo quanto vagamente indicato – senza uno straccio di prova falsificabile – dai paper del gruppo di D’Elia) come caspita farebbero a permanere dei “cluster” nella matrice degli zuccherini in vendita alla modica cifra di migliaia di euro al chilo?

  • 28 Novembre 2014 in 00:01
    Permalink

    artigiano, terza media….io vedo dei bambini che han bisogno di prevalere, di aggredire.
    La discussione è lecita, ma il metodo nn fa onore a chi partecipa ed a chi ospita e lancia queste “discussioni”. come invitare sgarbi in trasmissione sperando che la sua presenza sia civile ed onesta. buonanotte

  • 27 Novembre 2014 in 23:42
    Permalink

    Carlo, queste Tue ultime, purtroppo, non sono obiezioni: sono bestialità.

  • 27 Novembre 2014 in 21:36
    Permalink

    @AldoGrano

    risponda all’obiezione evitando di svicolare su altre balle.
    Sugli studi del gruppo di Napoli, come mai se sono così rivoluzionari vengono accettati da due sole riviste?

  • 27 Novembre 2014 in 20:27
    Permalink

    Infine.
    Mi arriva l’ennesimo pirla in preospedalizzazione, 50 enne, cultura medioelevata, con un neo del labbro destro. MELANOMA…

    “Ho provato con l’omeopatia. Niente da fare”

    Ma perchè dobbiamo curarli sti idioti. PERCHE’?????????????

    Perchè siamo buoni.

    Noi dottori.

    GIANNI P. vi saluta….

    Vi ricordo:

    “Esiste una sola medicina. Quella la cui efficacia è provata da studi statistici RCT ben strutturati…”

    IL RESTO E’ PURA STREGONERIA, TRUFFA, ACCHIAPPASOLDI, VELENO PER FESSI…

    saluti

  • 27 Novembre 2014 in 20:21
    Permalink

    Ricordatevi sempre che curiamo anche gli imbecilli come Aldo Grano….

    Gianni P

    Ps… quella fesseria dell’osteosarcoma, con tutto il rispetto per il decesso, meglio evitarla di porla come esempio di equipollenza tra l’UNICA MEDICINA e quelle altre IMMANI TROIATE

    un medico che fa bene il suo lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *