Una fibrilla per la Sindone – il dibattito

In seguito al clamore mediatico prodotto dalla pubblicazione del rapporto tecnico dell’ENEA secondo il quale sarebbe escluso che la Sindone di Torino possa essere opera di un falsario medievale, abbiamo chiesto un parere a Luigi Garlaschelli, chimico dell’Università di Pavia e responsabile delle sperimentazioni del CICAP, oltre che uno dei massimi esperti di indagini critiche sulla Sindone.

Dopo la pubblicazione dell’articolo di Garlaschelli, è arrivata in redazione una richiesta ufficiale di rettifica da parte del dottor Paolo Di Lazzaro, dirigente di ricerca presso il Laboratorio Laser a Eccimeri dell’ENEA e responsabile dello studio in oggetto.

Ai sensi dell’articolo 8 della legge 47/1948 pubblichiamo, senza commento, la replica integrale di Di Lazzaro (la trovate qui) e la risposta di Garlaschelli alle obiezioni mosse (la trovate qui).

Ci scusiamo per lo spezzettamento in più post e vi invitiamo a partecipare alla discussione nei commenti.

Hai gradito questo post? Aiutaci con una