I segnalibri 18: naturalismo, medicine alternative e immagini satellitari

– Il filosofo Massimo Pigliucci commenta (in tre parti) il convegno sul naturalismo “Moving Naturalism Forward” voluto dal cosmologo Sean Carroll e svoltosi lo scorso ottobre negli Stati Uniti.

– Rosa Contino intervista Silvio Garattini sulla vicenda al caso Escozul-Vidatox, la presunta cura omeopatica antitumorale ricavata dalla tossina di uno scorpione. Qui il testo dell’intervista.

-La Boiron, azienda produttrice di medicamenti omeopatici, ha recentemente pubblicato uno studio che dimostrerebbe l’efficacia di questi rimedi nel trattamento dell’emicrania sui bambini. Interessante il commento di Edzard Ernst (di cui avevamo già parlato qui), che critica i metodi utilizzati dai ricercatori per arrivare a questa conclusione.

Amelia Carolina Sparavigna, del Politecnico di Torino, ha proposto una spiegazione per alcune strane strutture circolari visibili tramite Google Earth e localizzate in Cina: si tratterebbe di sondaggi per le miniere di nickel. La storia è raccontata su LiveScience.

4 pensieri riguardo “I segnalibri 18: naturalismo, medicine alternative e immagini satellitari

  • 9 Dicembre 2012 in 16:44
    Permalink

    E non solo Aldo,aspetta il 21/12/2012 e il Prof. versera’ nell’oceano adriatico 100 litri di oscillococcinum per curare tutti i nostri mali e abbassare il fatturato farmaceutico . Per gli scuotimenti Aldo ci pensi tu vero?;)

  • 17 Novembre 2012 in 13:57
    Permalink

    “Prof. Garattini: In realtà non vedo complotti. Il fatturato farmaceutico interno ed esterno al Servizio Sanitario Nazionale aumenta ogni anno.”
    Ti dirò che ho sempre sospettato che Garattini fosse un Omeopata e un Complottista cammuffato per incunearsi tra gli Scettici.

  • 17 Novembre 2012 in 12:07
    Permalink

    Grazie Luk, ci si incontra anche qui 🙂

  • 16 Novembre 2012 in 21:27
    Permalink

    Calma calma quanta fretta lasciamoli studiare tranquilli gli scienziati della B….n non sono ancora passati duecento anni dalle prime sperimentazioni . Ed i test in doppio cieco devono essere almeno su 3 miliardi di persone compreso un campione di 1000 alieni della zona zeta reticuli. Rosa Contino ancora grazie per il tua intervista a Garattini .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *