2012 and counting | Le risposte della Nasa

11. Quando gran parte dei pianeti si allineeranno nel 2012 ed il pianeta Terra sarà nel centro della Via Lattea, quali saranno le conseguenze su di esso? Potrebbe causare uno spostamento dei poli, ed in questo caso cosa dovremmo aspettarci?

Non ci sarà alcun allineamento di pianeti nel 2012 né in altri momenti per parecchi decenni in futuro. E che la Terra si troverà al centro della Via Lattea, non so cosa significhi. Se si riferiscono alla Galassia della Via Lattea, noi ci troviamo a circa 30,000 anni luce dal centro di questa galassia a spirale. Facciamo il giro del centro galattico in un periodo di 225-250 milioni di anni, mantenendo approssimativamente sempre la stessa distanza. Per quanto riguarda uno spostamento dei poli, neppure questo so cosa significhi. Se si intende un cambio improvviso della posizione dei poli (cioè l’asse di rotazione della Terra), allora ciò è impossibile, come osservato precedentemente. Ciò di cui molti siti web stanno parlando è l’allineamento della Terra e del Sole con il centro della Via Lattea nella costellazione del Sagittario. Questo accade ogni dicembre, senza conseguenze dannose, e non c’è motivo di aspettarsi che il 2012 sia diverso da ogni altro anno.

12. Quando il Sole e la Terra si allineeranno sul piano galattico nello stesso momento in cui il buco nero sarà al centro, questo non potrebbe provocare qualcosa, dovuto al fatto che il buco nero ha una forza d’attrazione così potente?

C’è un buco nero supermassiccio al centro della nostra galassia, e come qualunque concentrazione di massa esercita una forza gravitazionale sul resto della galassia. Tuttavia, il centro galattico è molto distante, circa 30.000 anni luce, quindi ha conseguenze insignificanti sul nostro sistema solare e sulla Terra. Non ci sono forze speciali provenienti dal piano galattico o dal centro galattico. L’unica forza che agisce sulla Terra è la gravitazione del Sole e della Luna. Come l’influsso del piano galattico, anche questa posizione non ha niente di particolare. L’ultima volta in cui la Terra si è trovata nel piano galattico è stato parecchi milioni di anni fa. Dichiarare che stiamo per attraversare il piano galattico è una falsità.

13. Io ho paura che la Terra entri nella Fessura Oscura (Dark Rift) della Via Lattea. Cosa provocherebbe? La Terra verrebbe risucchiata?

La “fessura oscura” è un nome comune dato alle grosse nubi di polvere sparse nel braccio interno della Galassia della Via Lattea, che ci impediscono la vista del centro galattico. Tutta questa paura sull’“allineamento galattico” è assurda. A fine dicembre il Sole è sempre più o meno in direzione del centro della Galassia se visto dalla Terra, e allora? A quanto pare gli allarmisti hanno deciso di utilizzare queste espressioni senza senso sull’“allineamento” e la “fessura oscura” e “cintura di fotoni” proprio perché non vengono comprese dal pubblico.
Se parliamo di sicurezza della Terra, le vere minacce derivano dal riscaldamento globale e dalla perdita della diversità biologica, e probabilmente in futuro dalla collisione con un asteroide o una cometa, non certo dalle dichiarazioni pseudoscientifiche sul 2012.

14. Ho sentito che il campo magnetico della Terra si invertirà nel 2012, proprio quando si prevede che le tempeste solari raggiungeranno il più alto livello nella storia. Questo ci ucciderà o distruggerà la nostra civiltà?

In prossimità di un picco di attività solare (che si manifesta all’incirca ogni 11 anni), ci sono molti più eruzioni solari ed eiezioni di massa coronale che in prossimità di un minimo. Le eruzioni e le eiezioni di massa non rappresentano un pericolo per gli esseri umani o per altre forme di vita sulla Terra. Potrebbero mettere in pericolo gli astronauti nello Spazio profondo o sulla Luna, e questa è una questione di cui la NASA dovrebbe imparare ad occuparsi, ma non è un nostro problema. Grandi eruzioni possono interrompere le trasmissioni radio, provocare aurore molto luminose (Aurore Boreale e Australe), e danneggiare i componenti elettronici di qualche satellite nello spazio.
Oggi molti satelliti sono programmati per affrontare quest’eventualità, ad esempio disinserendo alcuni dei loro circuiti più sensibili e andando nella modalità “protetta” per alcune ore. In casi estremi l’attività solare può persino interrompere le trasmissioni elettriche sul suolo, causando blackout elettrici, ma si tratta di casi rari.
L’ultimo picco solare è avvenuto nel 2001, ed il prossimo era stato previsto 11 anni fa più o meno per il 2012. Tuttavia il più recente minimo di attività solare è stato insolito, con una durata di un paio d’anni quasi senza macchie o altri segnali di attività solare, per cui al momento gli scienziati ritengono che il prossimo picco sarà posticipato, forse al 2013. Tuttavia, i dettagli del ciclo solare restano fondamentalmente imprevedibili. É vero che il campo magnetico della Terra ci protegge creando una vasta zona nello spazio, chiamata magnetosfera terrestre, all’interno della quale gran parte del materiale emesso dal Sole viene catturato o deviato, ma non c’è motivo di aspettarsi un’inversione della polarità magnetica di qui a poco. Queste inversioni magnetiche si verificano mediamente solo una volta ogni 400.000 anni.

15. Sono turbato per un servizio sul sito web di Fox News che dice che nel 2012 una “Potente tempesta solare potrebbe bloccare gli USA per mesi”. Faceva riferimento ad un rapporto della National Academy of Sciences commissionata e sovvenzionata dalla NASA. Ma se non accadrà nulla con l’arrivo del 2012, perché la NASA permette che vengano divulgate certe sciocchezze?

La NASA è soddisfatta del rapporto sull’eliofisica del National Research Council. Come osservato, questo rapporto include un’analisi della peggiore ipotesi di ciò che potrebbe accadere oggi se ci fosse una replica della più potente tempesta solare mai registrata (nel 1859). Il problema sta nel modo in cui questo tipo di informazioni possono essere usate fuori dal loro contesto. Non c’è motivo di aspettarsi una tempesta solare di tali dimensioni nel prossimo futuro, di certo non specificamente nel 2012. Il riferimento all’“evento nel 2012” esemplifica questo problema. Non ci sono previsioni di un “evento nel 2012”. Non sappiamo nemmeno se il prossimo picco di attività solare avrà luogo in quell’anno. L’intero scenario catastrofico sul 2012 è una bufala, alimentata dalle pubblicità per 2012, il film catastrofico di fantascienza. Posso solo sperare che la maggior parte della gente sia in grado di distinguere la trama di un film di Hollywood dalla realtà.

16. I miei amici a scuola mi dicono che moriremo tutti nel 2012 a causa di un meteorite che colpirà la Terra. È vero?

La Terra è sempre stata soggetta a impatti con comete ed asteroidi (come succede per la Luna, sulla quale si può vedere meglio, dal momento che è priva di un’atmosfera che eroda i crateri da impatto), nonostante le grosse collisioni siano molto rare. L’ultimo impatto significativo si è verificato 65 milioni di anni fa, ed ha causato l’estinzione dei dinosauri. Oggi gli astronomi della NASA stanno realizzando il “Spaceguard Survey”, un sistema per rilevare ogni grande asteroide in prossimità della Terra molto prima che la colpisca. Abbiamo già stabilito che non ci sono asteroidi minacciosi grandi quanto quello che ha sterminato i dinosauri. Tutta questa attività è svolta pubblicamente attraverso le scoperte esposte ogni giorno sul sito web NASA NEO Program Office, ed ognuno può verificare da sé che nessuna collisione è prevista per il 2012.

17. Se Nibiru è una bufala, perché la NASA non pubblica una smentita? Come si può permettere che queste storie circolino e spaventino le persone? Perché il governo degli USA non fa niente?

Se andate sulla home page della NASA, nasa.gov, troverete molti articoli che denunciano la bufala di Nibiru-2012. Provate a cercare su nasa.com la voce “Nibiru” o “2012”. Non c’è molto altro che la NASA possa fare. Queste bufale non hanno niente a che vedere con la NASA e non si basano su dati suoi, per cui noi, come agenzia, non siamo direttamente coinvolti. Ma gli scienziati, sia all’interno che al di fuori della NASA, ammettono che questa bufala, con il suo tentativo di spaventare le persone, funga come distrazione da tematiche scientifiche più serie, come il riscaldamento globale e la scomparsa della diversità biologica. Viviamo in un Paese dove vige la libertà di parola, il che include la libertà di mentire. Dovremmo essere contenti che non ci siano censori. Ma se usiamo il buon senso possiamo riconoscere le menzogne. Man mano che ci avvicineremo al 2012, le menzogne diventeranno sempre più evidenti.

18. Può provare che Nibiru è una bufala? Ci sono talmente tanti articoli che dicono che qualcosa di terribile accadrà nel 2012. Ho bisogno di prove perché il Governo e la NASA ci stanno nascondendo molte cose.

Simili domande dovrebbero essere fatte ai sostenitori del “giorno del giudizio” affinché siano loro a dimostrare che ciò che dicono è vero, e non alla NASA perché debba dimostrare che è falso. Se qualcuno dichiarasse su Internet che ci sono degli elefanti viola alti 50 piedi che passeggiano per Cleveland, qualcuno si aspetterebbe che la NASA dimostrasse che non è vero? L’onere della prova ricade su chi fa dichiarazioni azzardate. Ricordate il commento spesso citato di Carl Sagan, che dice che dichiarazioni straordinarie richiedono dimostrazioni straordinarie. Tuttavia penso che gli astronomi abbiano raggiunto il punto in cui si possono fornire argomentazioni estremamente valide sul fatto che Nibiru non esiste. Un grande pianeta (o una nana bruna) all’interno del nostro sistema solare sarebbe stato notato dagli astronomi da molti anni, sia indirettamente per via delle sue perturbazioni gravitazionali su altri oggetti, sia per rilevazioni dirette attraverso i raggi infrarossi. Il Satellite Astronomico ad Infrarossi della NASA (IRAS) ha realizzato la prima rilevazione a tutto cielo nel 1983, e numerose successive rilevazioni avrebbero di certo rilevato Nibiru se ci fosse stato. Inoltre, se una grande massa passasse attraverso il sistema solare interno ogni 3600 anni, ne vedremmo le conseguenze distruttive sulle orbite dei pianeti interni, e non è così.
Ma non dovete credere per forza alle mie parole. Basta che usiate il buon senso. Avete visto Nibiru? Nel 2008 molti siti web sostenevano che sarebbe stato visibile ad occhio nudo nella primavera del 2009. Se un grande pianeta o una nana bruna si dirigessero verso il sistema solare interno nel 2012, sarebbero già stati seguiti da centinaia di astronomi, sia professionisti che dilettanti, in tutto il mondo. Conoscete qualche astronomo amatoriale che lo stia osservando? Avete visto qualche foto o dibattito sull’argomento sulle più diffuse riviste di astronomia quali Astronomy o Sky & Telescope? Pensateci un attimo. Nessuno potrebbe nascondere una cosa come Nibiru se esistesse.

19. Cosa mi dice delle pubblicità spaventose per il nuovo film 2012? Ci invitano a controllare questi siti internet per avere prove della minaccia del giorno del giudizio universale.

Le dichiarazioni pseudoscientifiche su Nibiru ed il giorno del giudizio universale nel 2012, accompagnate dalla sfiducia nel governo, vengono amplificate dalla pubblicità per il nuovo film della Columbia Pictures intitolato 2012, uscito nel novembre 2009.
Il trailer del film, che viene trasmesso nelle sale cinematografiche e sul loro sito internet, mostra un’onda gigantesca che si abbatte sull’ Himalaya, con le seguenti parole: “Come potrebbero i governi del nostro pianeta preparare 6 miliardi di persone alla fine del mondo? (lunga pausa) Non potrebbero. (lunga pausa) Scoprite la verità. Cercate 2012 con Google.”
La pubblicità sul film include un falso sito web scientifico dell’“Institute for Human Continuity” (IHC), che è assolutamente fittizio. Stando a questo sito web, l’IHC si dedicherebbe a ricerche scientifiche e a preparare la società. La sua missione è la sopravvivenza dell’umanità. Il sito spiega che l’Istituto è stato fondato nel 1978 da dirigenti internazionali del mondo del governo, degli affari e della scienza. Sostiene che nel 2004 gli scienziati dell’IHC hanno confermato che con il 94% di probabilità il mondo sarebbe stato distrutto nel 2012. Questo sito web incoraggia le persone a registrarsi ad una lotteria per selezionare quelle che verranno salvate; una collega ha inserito il nome del suo gatto, ed è stato accettato. Secondo Wikipedia creare questo genere di siti web fasulli è una nuova tecnica pubblicitaria chiamata “Marketing Virale”, per analogia con i virus dei computer.

20. É possibile che la quantità di domande qui descritte faccia parte di una specie di campagna per un libro o un film, nella speranza che la quantità di smentite venga presa come una maggiore “evidenza” che esiste un complotto?

Mi pongo questa stessa domanda ogni giorno, dato che la quantità di mail che ricevo su Nibiru (insieme a allineamenti e rotazioni polari vari) continua a crescere – ormai sono più di 20 alla settimana. È evidente che si può guadagnare sulla paura che ha la gente dell’avvicinarsi del giorno del giudizio.
Molti siti web vendono libri e nastri su Nibiru o addirittura dei “kit di sopravvivenza”. È molto deprimente, considerate le numerose tematiche reali quali il riscaldamento globale ed il collasso finanziario, sulle quali si dovrebbe concentrare la nostra attenzione. Nell’ultimo capitolo di un nuovo libro di astronomia (The Hunt of Planet X) Govert Shilling scrive: “C’è parecchio da fare per gli smitizzatori – quegli archeologi e astronomi che mantengono uno sguardo distaccato e scettico sulla gigantesca onda di assurdità su Nibiru e spiegano con precisione scientifica cosa c’è di sbagliato in questa favola cosmica. Vedranno il loro lavoro finire di colpo nei prossimi anni. E il 22 dicembre del 2012 ci sarà una nuova storia pseudoscientifica da baraccone che andrà in giro e l’intero circo ripartirà, perché non importa quanti nuovi corpi celesti vengano scoperti nel nostro sistema solare, ci sarà sempre bisogno di un misterioso Pianeta X.”

Il Dott. David Morrison è Direttore del NASA Lunar Science Institute e Scienziato Senior al NASA Astrobiology Institute. Il Dott. Morrison ha conseguito il Dottorato in astronomia all’Università di Harvard (dove Carl Sagan è stato il suo relatore) ed ha trascorso gran parte della sua carriera lavorando sulla scienza planetaria e l’astrobiologia. È un Membro dell’ American Association for the Advancement of Science e della California Academy of Sciences. È vincitore della Medaglia Dryden per la ricerca dell’ American Institute of Aeronautics and Astronautics e della Medaglia Sagan dell’ American Astronomical Society per la pubblica informazione.
Morrison è uno scettico convinto e un sostenitore del miglioramento dell’educazione e della cultura scientifica. L’Asteroide Morrison 2410 porta questo nome in suo onore.

traduzione a cura di Francesca Vargiu e Valeria Salvagno

13 thoughts on “2012 and counting | Le risposte della Nasa

  • Pingback:Le 20 risposte della NASA ai dubbi sul 2012 su queryonline « Il Poliedrico

  • Pingback:Voglia di partire « Works in my mind…

  • Pingback:Cosa c’è da sapere sull’Apocalisse (che non verrà) : Tau Zero

  • 17 Luglio 2010 in 09:25
    Permalink

    La diatriba è un ottimo sfoggio di cultura storica e astronomica, ma l’ intelligenza pura e libera arriva anche questa volta alla soluzione dell’ enigma senza necessità di grande cultura e di complicati ragionamenti:  è comunque irrazionale, da parte di chi teme una fine del nostro Pianeta per la data precisa del solstizio d’ inverno del 2012, cercare un evento determinante esogeno (es. lo scontro con un corpo celeste) o endogeno alla Terra (es. un brusco suo spostamento dell’ asse di rotazione) perché 1) se ci basiamo sulle Profezie dei Maya, o di qualunque popolo antico, o dei profeti moderni che dicono di parlare con Dio o con un Suo inviato, tutte queste profezie non prevedono la fine della nostra Storia a causa di fenomeni fisici, ma a causa di un Essere Superiore, normalmente chiamato Dio, che decide del nostro destino. Se tale Essere ha deciso di farci finire per una data precisa, ha la forza di colpire in un solo istante manovrando qualunque corpo celeste  o anche solo la Terra, violando qualunque legge finora scoperta della Fisica, della Chimica, della Medicina.2) Se  gli astrofisici, i climatologi, i biologi avessero scoperto un pericolo mortale, endogeno o esogeno al pianeta, e fossero in grado di calcolarne l’ impatto entro una data inferiore ai tre anni da oggi, non avrebbero alcun motivo per tenercelo nascosto. Se qualche governo, stupidamente, lo volesse tener celato, ci sarebbe un governo avversario che lo rivelerebbe, perché calcoli così precisi e certi sarebbero alla portata di tutti, non solo della NASA.Così come, quando si calcola la forza distruttiva di un uragano, si fa sgombrare la popolazione che verrà colpita e solo in questo modo si dimostra di saper fare il proprio mestiere, se la Scienza fosse in grado di prevedere esattamente l’ epoca di impatto del nostro pianeta con un grosso asteroide, lo rivelerebbe perché nessun potere forte sarebbe in grado di sfruttare la notiza tenendola nascosta, anzi, potremmo lasciarci tutti andare, a seconda delle convinzioni, alla pigrizia edonistica o alla preghiera incessante, tralasciando gli impegni gravosi  e ormai sicuramente inutili di lavoro, studio,guerra,elezioni, campionati sportivi, ecc.

    Rispondi
  • 17 Luglio 2010 in 11:53
    Permalink

    Interessante la Timewave Zero function… ma se il Mondo non finirà quel giorno, aggiungeranno un termine noto o rimarranno sul vago dicendo che è una funzione definita a meno di una costante? 😉

    Rispondi
  • 21 Luglio 2010 in 12:16
    Permalink

    è incredibile che al mondo ci siano così tanti caproni da dover ogni volta scomodare qualche autorevole personalità della comunità scientifica per smentire simili fandonie.
    Io mi chiedo quale ignorante possa realmente credere nell’esistenza di un pianeta con un’orbita allrgata di 3500 anni. Chiunque abbia un minimo di basi du fisica meccanica si rende conto immediatamente che una simile orbita è impossibile.
    Inoltre se il fantomatico Nibiru fosse, come l’amico scrittore sostiene, abitato allora mi chiedo su quale chimica sarebbero fondati gli organismi che lo abitano.
    Mi spiego, noi utilizziamo come solvente l’acqua perchè la Terra si trova ad una distanza in cui questa si trova abbondantemente allo stato liquido, inoltre la relativa vicinanza al sole consente alle piante di trasformare l’energia luminosa in energia chimica.
    Se Nibiru ha un orbita tale per cui passa 3500 anni lontano dal sole e altri non so quanti vicino, come potrebbe evolversi una forma di vita inteligente? Nei periodi di lontananza la temperatura sarebbe così bassa da ghiacciare anche l’azoto o gli idrocarburi leggeri come il metano, vedi Urano Nettuno e simili, e nei periodi di vicinanza tutto sublimerebbe e il paesaggio sarebbe del tutto stravolto. Da un molosso di ghiacchio si passerebbe ad un convenzionale pianeta terroso  con laghi e mari. il tutto in un ciclo millenario.
    Basti pensare che per arrivare all’uomo, animale “inteligente” ci sono voluti miglioni di anni! Come potrebbero gli Anunnaki essersi evoluti su un pianteta tanto bislcco?
    è evidente che Zecharia Sitchin ha buna fantasia ma nulle conoscienze scientifiche.

    Rispondi
  • 24 Luglio 2010 in 00:32
    Permalink

    @Lorenzo
    Terence McKenna ha pensato bene di morire in tempo! Lui non ci sarà il giorno in cui sarà necessario shiftare l’asse Y lungo l’asse X di qualche altro annetto…

    Rispondi
  • 13 Agosto 2010 in 04:39
    Permalink

    Scusate ma a me sembra che non sia stata data nessuna risposta effettiva alla domanda numero 7, “fallacia di pertinenza?”. Spero di no!

    Rispondi
  • 13 Agosto 2010 in 21:01
    Permalink

    Se non ho capito male, la risposta è che l’oscuramento è dovuto a un errore del software, e che verrà corretto nella prossima versione del programma. Che cosa non ti convince in particolare?

    Rispondi
  • 14 Agosto 2010 in 05:11
    Permalink

    Non parla di Microsoft Telescope! strano che sia Google che Microsoft abbiano avuto lo stesso errore software.

    Rispondi
  • 14 Agosto 2010 in 10:50
    Permalink

    Ah, ho capito. Bé, non è che Google e Microsoft producano in proprio le immagini della volta celeste, allora sì che sarebbe strano. Entrambi le acquistano in blocco da ESA e NASA (in questo caso dallo Sloan Digital Survey), e presumibilmente l’errore sta nel software che hanno acquistato. Effettivamente la spiegazione non è molto chiara, ma in ogni caso chiunque abbia un telescopio può puntarlo in quella zona di cielo e vedere che Nibiru non c’è.

    Rispondi
  • 15 Agosto 2010 in 00:30
    Permalink

    Detta così la risposta trova un senso… thanks

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *