Quell’UFO ha le piume!

ufo_eagle

Il 26 gennaio di quest’anno, uno skywatcher messicano è stato protagonista di un curioso avvistamento: otto “UFO” in volo sincronizzato nel cielo, intenti in una serie di spettacolari evoluzioni.

A un primo sguardo gli UFO Eagle (così sono stati battezzati) ricordano seriamente uno stormo di uccelli, ma i siti ufologici che hanno ripreso la notizia ci mettono in guardia:

in questo filmato si possono osservare le evoluzioni di misteriosi oggetti e non di uccelli migratori o anatre selvagge, anche perchè non volano in questo modo.

Secondo Segni dal cielo, ad esempio, si tratterebbe invece di

UFO o al massimo dei DRONI Darpa oppure nuovi Droni Alieni che volano ad una quota relativamente alta.

Cerchiamo quindi di capire le maggiori obiezioni all’ipotesi dello stormo di volatili. In alcuni momenti della ripresa, gli “oggetti” sembrano riflettere la luce del sole, come i metalli. Possibile? Sì, se si conosce un semplice principio ottico. Quando la luminosità è eccessiva, i sensori delle fotocamere (specie quelli, non eccelsi, integrati nei telefoni cellulari) tendono a andare in saturazione e a sovraesporre il colore bianco, che appare così più luminoso del dovuto. E’ quindi possibile che gli UFO Eagle non stiano riflettendo davvero il sole, ma che sembrino farlo per colpa di un effetto ottico.

Ma gli UFO del video non battono le ali! Possibile? Purtroppo le immagini sfocate del video non consentono di capire con certezza se effettivamente sia così, o se in realtà i soggetti del video battano le ali ogni tanto (come sembra avvenire, ad esempio, al minuto 1:58). Va detto comunque che la maggior parte degli uccelli è perfettamente in grado di sfruttare le correnti ascensionali, e di volare in planata per tempi ragguardevoli.

Ma gli ucceli non volano così! Sul serio? Come fa notare Doubtful news, questo tipo di “volo sincronizzato” si ritrova in molte specie. Questo video, ad esempio, riprende uno stormo (secondo la didascalia, oche delle nevi) intento in evoluzioni estremamente simili a quelle degli UFO Eagle. A voi il confronto.

Vista la regione dell’avvistamento, si può anche tentare un’identificazione. I colori degli UFO in oggetto (bianchi con ali nere) ricordano da vicino il piumaggio di due specie piuttosto comuni nella zona: le oche delle nevi (Chen caerulescens) e i pellicani bianchi americani (Pelecanus erythrorhynchos). Visto l’areale e le abitudini di volo di questi ultimi, Doubtful News propende per l’identificazione degli UFO Eagle con quest’ultima specie, ma una sicurezza del 100% in effetti è difficile da avere.

In un certo senso, quindi, l’oggetto dell’avvistamento può considerarsi davvero “non del tutto identificato”: ma l’eventuale soluzione del mistero sembra proprio essere un compito degli ornitologi, piuttosto che degli ufologi.

Hai gradito questo post? Aiutaci con una