E-Cat, la saga continua

© 2011 Massimo Brega per Focus/Focus.it

Un aggiornamento sulla vicenda dell’Energy Catalyzer di Andrea Rossi, il dispositivo che sarebbe in grado di produrre reazioni nucleari a bassa energia (LENR). Stiamo seguendo la vicenda ormai da mesi: trovate qui gli articoli precedenti.

Avevamo lasciato in sospeso la vicenda di Andrea Rossi lo scorso aprile dopo alcune dimostrazioni pubbliche del suo dispositivo, con potenze più basse rispetto a quelle annunciate nei primi test. Allora avevamo reputato insufficienti le prove portate da Rossi sul funzionamento della sua invenzione, in quanto le tecniche usate per stimare la produzione di energia prestavano il fianco a molte critiche e, soprattutto, le prove non erano state fatte in modo indipendente, con modalità e strumentazione decise dagli sperimentatori. Erano, in sostanza, più “dimostrazioni pubbliche” che vere e proprie verifiche sperimentali. Inoltre, Query aveva scelto di non entrare nel merito delle misure, di cui non tutti i dettagli erano disponibili, poiché sembrava imminente l’ingresso in campo di un gruppo di fisici dell’Università di Bologna che avrebbero potuto verificare indipendentemente la produzione di energia levando ogni dubbio.

© 2011 Massimo Brega per Focus/Focus.it

Da allora, la faccenda si è ulteriormente complicata; nel seguito riportiamo soltanto qualcuno dei principali eventi di questi mesi, anche se il condizionale è spesso d’obbligo perché le dichiarazioni di Rossi al riguardo sono ambigue e a volte parzialmente contraddittorie.

È stato firmato con il Dipartimento di Fisica dell’Università di Bologna un contratto che prevede il pagamento da parte di Rossi di 500.000 Euro a fronte di una collaborazione con il Dipartimento per «ricerche nel campo della efficienza di produzione di energia degli impianti». In attesa del pagamento, però, il contratto non è ancora attivo; abbiamo parlato qui dei piani del Dipartimento con Giuseppe Levi, il fisico che ha seguito Rossi fin dai primi test. L’inventore ha interrotto bruscamente i rapporti con la Defkalion Green Technologies, una cordata di finanziatori greci che avrebbe dovuto essere licenziataria del brevetto almeno per alcune aree. Defkalion ha poi dichiarato che procederà ugualmente a mettere in commercio una licenza basata sul miglioramento tecnologico e ingegneristico «dell’invenzione di Rossi o di altre simili», accusando allo stesso tempo Rossi di usare tecnologie e strumenti sviluppati da loro. Questo ha suscitato la reazione sdegnata da parte del chimico fisico Christos Stremmenos, professore dell’Università di Bologna in pensione ed ex ambasciatore greco in Italia. Stremmenos, che della Defkalion era vicepresidente onorario (e, a detta dell’azienda, direttore della Ricerca & Sviluppo) ha preso le difese di Rossi, pubblicando una lettera aperta su 22passi d’amore e dintorni, l’eterogeneo blog tenuto da Daniele Passerini, un amico di infanzia di Levi che quest’ultimo ha scelto come confidente. Si sono moltiplicate le voci, non confermate, di replicazioni indipendenti del risultato di Rossi, mentre il direttore di New Energy Times Steven Krivit,  dopo una breve visita al laboratorio di Rossi a Bologna, ha cambiato parere sulla plausibilità dell’invenzione e ha attaccato pesantemente Rossi, suscitandone la reazione infuriata. Non si è sentito più parlare dell’Ampenergo, la società fondata per commercializzare l’E-Cat negli Stati Uniti, mentre Rossi stesso ha smentito, chiamandola «leggenda metropolitana», la voce di una collaborazione con la NASA,  che però a sua volta ha espresso qualche interesse nelle LENR attraverso Dennish Bushnell, del Langley Research Center.

L’esperimento più recente, su una versione ancora diversa dell’apparecchio, è stato condotto il 6 ottobre, alla presenza di alcuni selezionati giornalisti, rappresentanti di varie istituzioni e altri ospiti a vario titolo. Tra i giornalisti, lo svedese Mats Lewan di Ny Teknik (che segue Rossi fin dal principio) e Raymond Zreick di Focus.it hanno documentato il test con articoli, filmati e interviste (qui su Focus.it e qui in inglese su NyTeknik.se). Il premio Nobel Brian Josephson, da sempre distintosi per la sua posizione controcorrente su molti argomenti tra i quali la fusione fredda e le LENR, ha invece declinato l’invito.

I fisici dell’Università di Bologna hanno partecipato al test solo in qualità di osservatori e hanno scelto di non rilasciare alla stampa alcuna dichiarazione; il Direttore del Dipartimento di Fisica Paolo Capiluppi ci ha ribadito che il test non fa parte del contratto firmato con Rossi, contratto che non è ancora attivo in attesa del pagamento del contributo pattuito e della consegna di un E-Cat per verifiche indipendenti.

La principale differenza metodologica rispetto ai test precedenti è stata l’uso di uno scambiatore di calore, per rispondere alle molte critiche sulla qualità del vapore prodotto nei test precedenti, nelle quali un eventuale contenuto di acqua liquida in sospensione avrebbe potuto falsare le misure di energia. Questa volta il vapore prodotto dall’E-Cat è stato fatto circolare in uno scambiatore ad acqua, mentre l’incremento di temperatura veniva misurato sull’acqua circolante nel circuito secondario.

© 2011 Mats Lewan

In questo modo la qualità del vapore diventa irrilevante ai fini della misura dell’energia. In più, l’E-Cat ha lavorato per qualche ora in modalità “autosostentamento”, ossia senza energia elettrica fornita dall’esterno. Dopo il test, lo scambiatore è stato aperto per verificare l’assenza di trucchi, così come l’E-Cat. Tuttavia non è stato possibile esaminare il nucleo, né fare fotografie o filmati del dispositivo aperto, anche se Mats Lewan è riuscito a farne una.

Come in passato, il risultato apparente del test è una significativa produzione di energia da parte del dispositivo, ma anche in questo caso le tecniche sperimentali lasciano a desiderare. Neanche stavolta entreremo nei dettagli per quanto riguarda il merito tecnico delle misure, sulle quali del resto abbiamo soltanto report giornalistici e filmati. Per fare soltanto qualche esempio, il discutibile posizionamento delle termocoppie usate per misurare la temperatura ai capi dello scambiatore, il  salto termico di soli 6-7 °C tra ingresso e uscita dello scambiatore (non abbastanza grande da rendere sicuramente trascurabili agli errori di misura), la breve durata della fase di autosostentamento sono tutti effetti che potrebbero falsare le misure e su cui solo Rossi ha controllo. E, di nuovo, manca la verifica indipendente dell’effetto: non stiamo parlando di un semplice miglioramento tecnologico nel rendimento di una caldaia ma, secondo Rossi e Focardi, di un fenomeno fisico completamente nuovo che contraddice molte conoscenze acquisite. Come è normale di fronte ad annunci rivoluzionari, la comunità scientifica richiede prove chiare e solide per convincersi.

© 2011 Mats Lewan

Sempre il 6 ottobre è stata presentata (anche se era già stata mostrata a Ny Teknik, che aveva fatto circolare alcune fotografie a metà settembre) la versione del dispositivo proposta per la commercializzazione, ossia un impianto da 1 MW di potenza formato da un container che ospita una cinquantina di moduli E-Cat apparentemente simili a quello usato per il test.

Proprio oggi (28 ottobre) l’impianto dovrebbe entrare in funzione un’altra volta durante una nuova prova alla presenza di un misterioso potenziale cliente di Rossi e, probabilmente, di pochi giornalisti.

© 2011 Massimo Brega per Focus/Focus.it

Non ci sarà la diretta video precedentemente annunciata: nelle parole di Rossi, è necessaria una notevole cautela data la natura “molto particolare” del cliente, i cui rappresentanti non desiderano essere filmati. Rossi ha annunciato che pubblicherà a mezzanotte un report e un video sul test, presumibilmente sul suo blog Journal of Nuclear Physics.

Rossi ha sempre detto che non gli interessa convincere la comunità scientifica, ma trovare un cliente. Le condizioni del nuovo test sarebbero state dettate proprio dal possibile cliente: caveat emptor, staremo a vedere. Speriamo sia la volta buona.

segnalibro