Verremo tutti microchippati?

Tutti coloro che usano sistemi informatici sanno, più o meno inconsciamente, che ogni utente possiede delle “credenziali” che a tutti gli effetti, agli “occhi” delle macchine, rappresentano una persona. Per accedere a un sistema abbiamo una password o un PIN, ma chiunque si impossessasse di questa parola potrebbe impersonarci di fronte a una macchina e rendersi indistinguibile dal legittimo proprietario. E’ il famoso problema del furto di identità.

Analogo problema ce l’hanno le carte di pagamento: chi si impossessa della tesserina di plastica, agli occhi della banca è indistinguibile dal legittimo detentore del conto corrente.

Non sarebbe bello che le macchine ci riconoscessero senza dover passare attraverso mezzi fisici facilmente ingannabili tipo tesserine magnetiche e parole d’ordine? È quello che cercano di fare i sistemi di riconoscimento biometrico, macchine che dovrebbero riconoscere una persona attraverso una serie di parametri fisici come impronte digitali, forma del viso, timbro della voce e motivi dell’iride. Con sistemi del genere potremmo andare in giro in tutto il mondo senza portare nulla con noi, e qualunque terminale saprebbe istantaneamente chi siamo, se abbiamo il diritto di entrare in un certo luogo o se abbiamo abbastanza soldi per acquistare un oggetto, oppure qualunque ospedale potrebbe sapere la nostra storia medica e di quali cure abbiamo bisogno. Il rovescio della medaglia, chiaramente, è che ogni nostro spostamento sarebbe potenzialmente tracciato.

Purtroppo (o per fortuna) questi sistemi sono ancora abbastanza “in erba”: non sempre riconoscono in modo affidabile le persone, e comunque sono ingombranti e molto costosi. Se è ipotizzabile usarli per il controllo degli accessi alla dogana di un aeroporto, non ci si può attendere che vengano adottati a breve da tutti gli esercizi commerciali per le normali transazioni.

La soluzione “di passaggio” proposta è quella dei microchip di identificazione impiantabili: dei piccolissimi dispositivi radio che trasmettono un codice identificativo univoco quando passati a qualche decimetro da uno scanner. Nel 2004 la ditta Verichip ha ottenuto l’approvazione per l’uso umano di uno di questi microchip di identificazione (RFID) impiantabile sottopelle. Gli usi proposti per questo chip sono soprattutto di tipo biomedico: una persona può archiviare in un server le proprie informazioni sulla salute, le proprie cartelle cliniche, esami, eccetera, e in caso di incidente i soccorritori possono, attraverso il numero di identificazione, accedere a queste informazioni. Chip più evoluti potrebbero avere altre funzioni, es. misurare il livello di glicemia nel sangue ai diabetici, o interfacciarsi con dispositivi come cellulari e computer per permetterne l’uso solo al proprietario.

Immediatamente si è posto il problema della tutela della privacy. Come evitare che queste (o altre) informazioni vengano esaminate da persone non autorizzate? O che il Governo utilizzi scanner posti in luoghi pubblici per seguire i nostri movimenti? Magari non oggi, ma una volta che il loro uso fosse generalizzato un futuro governo totalitario avrebbe in mano un’arma formidabile. Inoltre un chip identificativo equivale ad un tatuaggio permanente, al marchio di un “numero di serie”, e la cosa per molti ha una connotazione decisamente sgradevole. Quindi solo un numero molto piccolo di persone (qualche migliaio) ha accettato di farsi impiantare il chip, e la ditta lo ha ritirato dal commercio nel 2010. Fine della storia, oggi non esistono RFID impiantabili per uso umano.

Ma la storia è troppo bella per morire così e sopravvive, in molte versioni, nel mondo delle leggende metropolitane. In particolare la proposta di legge di Obama (HR3200, la prima “Obamacare”, mai approvata) prevedeva un registro obbligatorio di tutti gli apparecchi biomedici, in particolare quelli impiantabili di classe 2, e quelli di sostentamento vitale, da completarsi entro il 23 marzo 2013. Una lettura molto disinvolta di questo testo sostiene che entro allora tutti gli statunitensi dovranno avere un chip impiantato, in quanto questi sono appunto “di classe 2”. La legge approvata, HR3962, usa poi l’acronimo CHIP per “Children’s Health Insurance Program“. Apriti cielo, pure i bambini microchippati!

Riferendosi al brano dell’Apocalisse sul Marchio della Bestia, i complottisti affermano che l’RFID verrà collegato al nostro conto bancario, in modo che “nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio”. Il chip sarebbe disattivabile a distanza, per rendere impotenti le persone scomode. Spesso in questi siti si usa come prova del terribile complotto il fatto che le carte di credito ed i bancomat oggi usino un microchip e, saltando disinvoltamente tra i due tipi di chip, si citano i numeri (altissimi) di chip per carte di credito prodotti per dimostrare che un gran numero di persone sia, o stia per essere, microchippato. Vengono mostrate false foto di un chip impiantato nella mano (posizione del “marchio della bestia”), ma i chip RFID verrebbero impiantati nel braccio.

Altre versioni parlano di un supermercato statunitense che ha richiesto ai suoi clienti l’impianto di un RFID. E le capacità del Verichip vengono dilatate fantasiosamente a dismisura. Riceverebbe la posizione usando un GPS, e la trasmetterebbe in continuazione a un centro di raccolta dati. Sarebbe connesso ad una rete globale, via satellite, e riceverebbe comandi da un computer centrale, in modo da rendere il microchippato “una vera e propria marionetta del sistema elettronico, potrà essere manipolata e controllata fisicamente, mentalmente ed emozionalmente”.

Naturalmente queste sono tutte invenzioni campate in aria: tutto ciò che facevano i chip di riconoscimento, prima di essere ritirati dal mercato, era trasmettere un codice che permette a una macchina di capire che siamo proprio noi, e associare la nostra identità alle informazioni che la macchina stessa ha già nel proprio database.

Sia per questa tecnologia, sia per il riconoscimento biometrico che verrà, sia per ogni altra tecnologia, si possono immaginare applicazioni molto utili così come usi immorali o illeciti. Potremmo avere la nostra storia medica e i contanti sempre con noi senza portare in tasca alcunché, ma un governo oppressore potrebbe sempre controllare dove andiamo e chi incontriamo. Il “demone” non è la tecnologia in sé, purché ci sia un apparato legislativo che fissi dei solidi confini tra cosa è lecito e cosa no, che permetta a chi non lo desideri di farne a meno e che sanzioni duramente ogni uso non approvato dai cittadini stessi.

Visto che alcuni dei cittadini terrorizzati dalla tecnologia RFID sono ormai stati eletti alle “stanze del potere”, ci aspettiamo che in futuro agiscano in modo più razionale e anticipino con leggi moderate e oculate le applicazioni tecnologiche che verranno.

Immagine da WikiCommons, licenza CC Attribution-Share Alike 3.0 Unported

9 pensieri riguardo “Verremo tutti microchippati?

  • 13 Marzo 2013 in 21:58
    Permalink

    Provo a rispondere un po’ a tutti. Innanzitutto leggete l’articolo prima di pensare di sapere cosa ci sia scritto. Non penso che microchipparci tutti sia una bella cosa, anzi, cito diverse volte i potenziali problemi.

    Tecnicamente si può già ora mettere un microchip alla gente. Si potrebbe farlo a forza (in un regime dittatoriale orwelliano), ma non si è riusciti a convincere più di poche migliaia di persone in tutto il mondo a farlo volontariamente. Non mi sembra ci sia nessuno che oggi lo proponga, e quindi immagino che i cattivoni del Nuovo Ordine Mondiale siano passati ad un piano B.

    Se anche tutti avessero un microchip, non servirebbe a molto. Devi passare uno scanner a 10-15 cm dal braccio della persona, spesso ripetendo l’operazione, per avere un segnale. Caspita, proprio stamane sentivo un servizio sulle proteste della gente perché il biglietto dell’autobus a microchip (che usa una tecnica analoga) spesso non funziona… E quindi niente tracciatura dei movimenti della gente, un sensore messo in un luogo pubblico semplicemente non funzionerebbe. Il microchip puoi togliertelo con un piccolo intervento chirurgico. Puoi clonarlo, ed impiantartene uno falso. Metterti sotto un cerotto un chip ogni volta diverso.

    Ma come notano già alcuni commentatori, alla privacy ci rinunciamo, volontariamente, ogni volta che mettiamo qualcosa su Facebook. O che commentiamo in un forum pubblico (come questo). Non serve associarci nessun microchip. E non è una idea da complottista, quando voglio conoscere qualcosa di una persona pure io posso fare ricerche in rete e scoprire davvero tanto, figurarsi un eventuale governo totalitario, o la ditta a cui abbiamo fatto domanda di assunzione.

  • 13 Marzo 2013 in 19:07
    Permalink

    a chi ha postato commenti di stampo complottista: Ma davvero credete che a qualcuno importi delle vostre miserabili vite ? abbasate la cresta 😀

  • 13 Marzo 2013 in 18:28
    Permalink

    Caro Erie5, come lo sai che lo stanno già provando sugli animali ecc. ecc.? E soprattutto chi??? Hai qualche prova o fonte attendibile a sostegno di queste tue affermazioni? Altrimenti sono solo chiacchiere…  E’
     proprio con i “non sarei proprio tanto sicuro” e con “personalmente ritengo” che si alimentano le leggende metropolitane. Su questi argomenti sono necessarie le prove di ciò che si afferma e ad ora si sono viste solo favolette alla Zeitgeist…
     
    Questa idea di grande fratello che avete sarebbe ridicola persino per Orwell, molti di quelli che credono a queste panzane sono gli stessi che su Facebook regalano i proprio dati pur di giocare gratis a qualche giochino.
     

  • 13 Marzo 2013 in 17:25
    Permalink

    Intanto ne parlano, poi passeranno ai fatti.
    Non sarei proprio tanto sicuro che l’argomento possa essere sminuito a livello di “leggensa metropolitana”!
    Personalmente ritengo che lo stiano già provando su animali a quattro zampe od uccelli. Poi si passerà all’uomo, se già non è stato fatto.

  • 13 Marzo 2013 in 16:10
    Permalink

    Agli Apocalittici “letteralisti” devo dire che il Marchio della Bestia è spirituale. Peccato, perché se fosse un microchip o un tatuaggio, lo riconosceremmo facilmente. In pratica è già obbligatorio: per poter “comprare e vendere” ovvero per poter lavorare, sia come imprenditori che come dipendenti, occorre essere materialisti, sennò non possiamo più farlo, ne veniamo esclusi. Chi antepone l’ Uomo al Profitto, anche se non ha mai letto l’ Apocalisse e non crede in Dio, non ce la può più fare. In questo link, se ne avete voglia, le spiegazioni di Una che se ne intende a Don Stefano Gobbi. Il Marchio della Bestia è nel secondo messaggio:
    http://profezie3m.altervista.org/Apocal_Mad.htm

  • 13 Marzo 2013 in 14:53
    Permalink

    Vedendo il post di ASSHOLE credo sia chiaro a tutti cosa si intenda con “agire in modo più razionale”!. Ce n’è tanto bisogno….. 🙂

  • 13 Marzo 2013 in 14:43
    Permalink

    Non c’è bisogno di impiantare nulla, tra carte di credito, tessere fedeltà, cellulari, orologi ed auto con il GPS, telepass, social networks e registrazioni sui siti internet, raccolta dati di banche, servizi e pubblica amministrazione, è già possibile sapere dove siamo, dove andiamo, come la pensiamo e come viviamo.
    Anche per scrivere questo commento è necessario fornire credenziali, siamo già tutti marchiati con il “marchio della bestia”, INFERNET ha già vinto!
     

  • 13 Marzo 2013 in 14:35
    Permalink

    QUESTO E’ IL CLASSICO ANNUNCIO DI PREAPARAZIONE ALL’INTRODUZIONE AUTOINDOTTA CHE VERRA’ PUBBLICIZZATA DAI MEDIA… STATE ATTENTI A QUESTE PUTTANATE AUTORI PAGATI PROPRIO PER INIZIARE A TRANQUILLIZZARE GLIA ANIMI DI CHI CONOSCE L’ENTITA’ DEL PERICOLO, E PREPARARE LE PECORE IGNORANTI CHE NON CONOSCONO QUESTO PERICOLO..FACENDOLA VIVERE COME UNA COSA SICURA BUTTATA LI PER LA SICUREZZA, PER LA SALUTE, PER CHISSA’ QUALE ALTRA CAZZATA INVENTATA. IL GIORNO CHE LO IMPORRANNO PER LEGGE, SE NON VI RIBELLERETE NEANCHE ALLORA, SARA’ UN’UMANITA’ DI SCHIAVI PERENNI SENZA ALCUNA CAPACITA’ ANALITICA, AUTONOMA, E NESSUNA LIBERTA’. 
    STATE ATTENTI, C’E’ CHI LI CHIAMA ILLUMINATI, CHI LI CHIAMA MASSONI…IO QUESTI GRUPPI DI SUPER RICCHI, CHE SI SONO ARROGATI IL POTERE DECISIONALE DI GOVERNARE IL MONDO, LI CHIAMO COGLIONI DI PRIMO GRADO.. SARETE ANNIENTATI VE LO POSSO GARANTIRE…VOI, I VOSTRI CARI, LA VOSTRA PROLE. FINIRETE AL MACELLO. SVEGLIATEVI NON DORMITE.

  • 13 Marzo 2013 in 14:08
    Permalink

    associamo il chip a FB e oltre alla posizione sapranno anche come la pensiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *