Cercasi madre per un Neanderthal. Ma anche no

Ieri molti quotidiani hanno dato una notizia bomba: un genetista sarebbe alla ricerca di una volontaria disposta a portare in grembo un piccolo uomo di Neanderthal.

La Stampa, ad esempio, titolava: “Una madre per clonare l’uomo di Neanderthal. L’annuncio-choc da Harvard: ho ricostruito il suo Dna dalle ossa.”. Secondo il quotidiano torinese George M. Church, professore di genetica della Harvard Medical School, avrebbe dichiarato a Der Spiegel:

Sono già riuscito a ottenere abbastanza Dna dalle ossa fossili per ricostruire la sequenza genetica di questa specie umana estinta. Adesso mi serve soltanto un’avventurosa femmina umana.

Tra i tanti quotidiani che hanno ripreso la notizia (tanto per citarne alcuni: Il messaggero, Repubblica, Wall Street Italia), molti evidenziano i dubbi etici su questo progetto alla Jurassic Park.

Innanzi tutto, i problemi sarebbero legali: nella maggioranza degli stati la clonazione umana è illegale, e la sperimentazione su esemplari della nostra specie (come sarebbe la madre del Neanderthal) rigidamente regolamentata. Poi, i dubbi etici: come si troverebbe nel mondo moderno un uomo, unico della sua specie, estinta 30.000 anni fa? Senza contare che i nostri anticorpi si sono evoluti nel tempo per resistere a virus e batteri anch’essi in evoluzione, per cui un organismo con un sistema immunitario più primitivo del nostro potrebbe avere meno chance di sopravvivenza.

Insomma, una notizia che fa discutere, e alla cui diffusione ha contribuito probabilmente la reputazione dello scienziato coinvolto, genetista di fama internazionale e pioniere del progetto Genoma.

Peccato che, in questo caso, fosse tutto falso. Vista la diffusione mondiale della notizia, George M. Church è corso al Boston Herald per spiegare che no, lui non sta affatto cercando volontarie per un simile esperimento. All’origine di tutta questa storia ci sarebbe una traduzione errata di una sua intervista rilasciata a Der Spiegel, che ha trasformato in un fatto quella che era soltanto un’ipotetica eventualità futura. E chi ha ripreso il falso scoop non ha fatto altro se non “riportare cose stravaganti e completamente false” contribuendo a creare “un vortice mediatico fuori contollo”, secondo le parole del genetista stesso.

A supporto della sua smentita, Church porta una buona ragione: un simile esperimento, per ora, è fantascienza. Anche se nel 2010 il DNA del Neanderthal è stato effettivamente sequenziato a partire dai resti di cinque diversi individui, non significa che saremmo in grado di riunire insieme tutti i geni necessari, impiantanrli in una donna Sapiens e dare vita a un piccolo uomo delle caverne. Ma prima o poi impareremo come fare. E allora, come afferma Church, sarà importante parlare delle implicazioni etiche di un simile passo.

8 pensieri riguardo “Cercasi madre per un Neanderthal. Ma anche no

  • 23 Gennaio 2013 in 19:30
    Permalink

    Per un miglione di Euri, me lo fo impiantare io.
    Ora, a parte le implicazioni etiche, parlandone da un punto di vista strettamente scientifico, chi volesse realizzare questa bestialità (in senso letterale) non mi pare abbia più bisogno di una madre, al massimo ha bisogno di un ovulo fertile. Ho sentito anche gli Alieni di Midwich e mi hanno confermato che oggi si limitano a prelevare ovuli dalle nostre mogli durante il sonno. Anche loro hanno la Crisi e devono risparmiare.

    Risposta
  • 24 Gennaio 2013 in 08:44
    Permalink

    (scusate per l’O.T., ma non resisto)
    Avrete sicuramente presente la pratica di costruzione di anagrammi (parole, frasi) partendo da nomi propri, che secondo alcuni sarebbe in grado di evidenziare aspetti della personalità degli individui. Bene. Se qualcuno è scettico al riguardo, sappia che, anagrammando a frase il nome Aldo Grano, si ottiene “do la rogna”. Meditate gente, meditate.
    Buona giornata

    Risposta
  • 24 Gennaio 2013 in 13:23
    Permalink

    Caro Marcoz, finalmente uno che tenta di rispondermi per le rime! Non è male, mi sembri in grado di competere. Come incoraggiamento Te la dò vinta. A buon rendere, alla prossima.

    Risposta
  • 24 Gennaio 2013 in 13:27
    Permalink

    Non per difendere Aldo Grano, ma non mi era ancora mai successo di trovare un cicappino seguace dell’onomanzia… 😀

    Risposta
  • 24 Gennaio 2013 in 13:47
    Permalink

    Resisti Aldo,sono tutti cattivi con te.Visto che oggi sei in buona te ne dico un’altra con simpatia. “Se cerchi nel grano,trovi Aldo?”Ciao Aldo.

    Risposta
  • 24 Gennaio 2013 in 13:59
    Permalink

    Gentile Aldo Grano, al di là delle distanze che ci separano sulla maggior parte degli argomenti che sono trattati in questo sito, desidero precisare che mi sono concesso una licenza nei suoi confronti perché convinto che la presa per i fondelli sarebbe stata considerata con il piglio giusto. Se capiterà, sarò lieto di offrirle la giusta occasione di rivalsa.
    ______
    @Gavagai: cicappino a me? Meno male che la mia etica è quella che è, altrimenti adesso mi sentirei moralmente obbligato a lasciare un obolo al comitato…

    Risposta
  • 24 Gennaio 2013 in 19:10
    Permalink

    Caro Luk, Tu fai già parte del Club e altre volte Te l’ ho data vinta. Quindi Ti rispondo: no, ci trovi quel bischero di Luk, che di notte, anziché… fa i cerchi per dimostarre che non sono gli Alieni.

    Risposta
  • Pingback:«Vi restituirò il Dodo» « Oggi Scienza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *