Le parole degli oroscopi

David McCandless ha pubblicato su Information is Beautiful un’analisi delle parole più utilizzate negli oroscopi. Per avere una buona statistica ha passato al setaccio 22 mila previsioni astrologiche, le ha processate con un software che seleziona le parole più usate e le rappresenta graficamente come una nuvola di tag: più la parola è frequente e più sarà grande la sua dimensione. Il risultato è quello che vedete nell’immagine. I dodici segni sembrano non presentare differenza sostanziali (simili al 90% tra i vari segni) e le parole più frequenti sono comunque molto generiche: sentire, meglio, amico, vita, sicuro.

Sulla base di questo Mc Candless ha anche prodotto una meta-previsione o previsione universale da utilizzare per ogni occasione e con qualsiasi segno:

meta-previsione
meta-previsione

che tradotto fa più o meno così:

Sei pronto? Sicuro?
In qualunque momento o situazione segreta, goditi le cose. Sentiti in grado di tenerci assolutamente. Non aspettarti nient’altro. Continua a fare l’amore. La famiglia e gli amici sono importanti. Il mondo è vita, divertimento e energia. Forse sarà difficile. O forse facile. È meglio prendere esattamente quanto basta. Aiuta e parla con gli altri. Cambia la tua mente e un umore migliore arriverà…

In due parole: Effetto Barnum.

Per chi vuole provare, anche il CICAP ha prodotto il suo generatore di oroscopi automatico. Qui, sul sito del CICAP Piemonte.

grazie a Isola Virtuale per la segnalazione

9 pensieri riguardo “Le parole degli oroscopi

  • 28 Gennaio 2011 in 10:25
    Permalink

    Ehm… Credo che “Feel able to absolutely care” non voglia proprio dire “Sentiti capace di cure assolute”. Bell’articolo, comunque.

    Risposta
  • 28 Gennaio 2011 in 10:39
    Permalink

    Concordo. Lo tradurrei come “sentiti capace di amare completamente”. Comunque a mio parere sarebbe stato più interessante se David McCandless avesse analizzato le parole più usate nei “temi natale”, piuttosto che quelle delle previsioni…

    Risposta
  • 30 Gennaio 2011 in 13:38
    Permalink

    Sul fatto che la maggior parte degli Oroscopi che vengono dati in automatico sulla stampa, in TV, in Rete non siano attendibili in quanto standardizzati non ci piove. Purtroppo questo vale anche in Medicina quando non si fanno diagnosi personalizzate da parte di un Medico che conosce il paziente da anni, ma previsioni sull’ andamento e l’ evoluzione di una malattia epidemica. Vedi le previsioni sull’ andamento stagionale delle varie forme influenzali che serve, tra l’ altro, all’ industria per preparare i vaccini. Vogliamo allargarci alle previsioni di Borsa o dei Consumi di carburanti, o degli acquisti di beni strumentali? Il marketing è considerato comunque attendibile se riesce a prevedere il comprotamento di un 60 per cento dei consumatori. Gli Oroscopi a raffica e non personalizzati nello studio di un serio astrologo (esistono) vengono tarati in modo da soddisfare almeno un 40% dei potenziali clienti, ovvero di quelli che ci credono o, almeno, sono curiosi di leggerli.

    Risposta
  • 30 Gennaio 2011 in 14:22
    Permalink

    @Aldo: Se mi sento male, so per certo che se vado dal mio medico lui non guarda l’andamento stagionale, ma mi visita e mi dice se ho beccato l’influenza o no. L’evoluzione stagionale deve però ovviamente essere fatta su base statistica, ed è altrettanto ovvio che le case farmaceutiche debbano basarsi su delle statistiche per produrre i vaccini; così come è ovvio che tutte le previsioni, di qualsiasi tipo, devono necessariamente essere fatte su basi statistiche dato che nessuno (no, neanche gli astrologi “seri”) sono in grado di sapere esattamente come sarà il futuro (giusto un appunto: non sono un esperto di logiche di mercato, ma credo che se un’azienda puntasse su una strategia di marketing attendibile solo al 60% fallirebbe in pochi mesi).

    Risposta
  • 31 Gennaio 2011 in 22:57
    Permalink

    @alberto: non sono stato chiaro. Non è la strategia di marketing affidabile al 60%, ma è la fetta di potenziali consumatori individuata. Guarda le ricerche di mercato più problematiche, quelle che cercano di prevedere l’ esito delle elezioni. I politici professionisti, in questo caso, si accontentano di tecniche di propaganda che possano ragionevolmente catturare un 20% degli elettori. Di recente, per quanto riguarda l’ Italia, i responsabili delle maggiori agenzie hanno ammesso che, essendo in questi giorni la percentuale di indecisi stimabile al 40% e oltre degli elettori italiani, nessun sondaggio è attendibile. Quando si deve programmare, invece, la carrozzeria di un’ auto di media cilindrata più adatta a catturare i gusti dei potenziali acquirenti, si può arrivare a produrne una che piace al 75% di questi. Non tutti la compreranno effettivamente, poi, ma le case automobilistiche si accontentano di questi risultati per lanciarla sul mercato. L’ auto perfetta per me e per Te, però, dovrebbe essere studiata su di noi specificamente da un professionsita in grado di farcene una su misura, anche nel prezzo. E’ più chiaro ora? Attento:  se per Te gli Oroscopi sono comunque inattendibili e gli Astrologi sono tutti imbroglioni, non Ti accorgi nemmeno che la tecnica usata da Mc Candless può dare gli stessi risultati per qualunque analisi di massa: Il linguaggio della pubblicità automobilistica, delle campagne elettorali, delle omelie domenicali religiose, degli oroscopi e degli articoli dei giornali sportivi del Lunedì contengono una sequenza simile di termini ricorrenti e più usati.

    Risposta
  • 31 Gennaio 2011 in 23:24
    Permalink

    @Aldo: Beh, ma un conto è programmare la propria strategia col preciso intento di vendere qualcosa per le masse, un altro è asserire che tutte le persone sono raggruppabili in 12 categorie ben distinte in base alla data di nascita salvo poi scoprire che tutte le previsioni, indipendentemente dal segno, sono formulabili usando le stesse parole.
    Visto che hai introdotto la cosa, cambiamo un attimo punto di vista: chi sono questi astrologi che fanno previsioni “su misura”? Sono mai stati controllati? Se sì, sapresti indicarmi uno studio in proposito? Se no, allora non è difficile capire come si sono guadagnati la loro fama: allo stesso modo dei santoni/guaritori che assicurano che tutti i casi che hanno trattato, nessuno escluso, è stato guarito.

    Risposta
  • 1 Febbraio 2011 in 10:20
    Permalink

    Caro Alberto, alla fine della nostra discussione arriviamo al solito punto morto: lunghi studi (lunghi negli anni) condotti da equipes composte sia da Scettici che da Creduloni su singoli famosi fenomeni umani paranormali o border line (Santi,  Veggenti, Stimmatizzati, Mistici, Asceti, Maghi, Guaritori, Pranoterapisti, Rabdomanti, Astrologi, Castelli Infestati, Santuari miracolopoietici, ecc.) non esistono. Eppure questo tipo di grande fatica e di grossa spesa economica è l’ unico modo per ottenere consensus, sia da una parte che dall’ altra. Altrimenti si trasformano sempre gli scontri tra dati scientifici in scontri tra visioni del Mondo. Comunque, a solo scopo conoscitivo, visto che è un mio campo di esperienza e lo è stato lavorativo, ricordaTi che anche nella Medicina Ufficiale e Scientifica i dati presentati ai Congressi da Singoli reparti e (più raro) da singoli specialisti sulle statistiche di sucesso delle proprie terapie sono prodotti dai Medici stessi e dalle equipes stesse, senza alcun controllo da parte di supervisori esterni e, magari, Scettici o avversari, durante il tempo della raccolta dei dati. Viene fatta, questo sì, una metaanalisi dei dati espsoti,  ma nessuno è in grado di verificare se i Medici abbiano, ad esempio, selezionato casi e malati per migliorare i loro dati. Si possono vedere solo gli errori macroscopici fatti dagli imbroglioni meno accorti.Ultimo e poi, se vuoi, Ti lascio l’ ultima parola: chiunque guarisce tutti, o indovina tutto,sia esso Medico, Guaritore,Astrologo, Economista, Consulente Finanziario, Santuario di Miracoli, Acqua Benedetta, Esorcista, Meccanico automobilista, Antibiotico, Integratore Alimentare,mente.
    E anche questa mia opinione abbastanza condivisa non è supportata da prove scientifiche certe ed in doppio cieco.

    Risposta
  • 1 Febbraio 2011 in 11:57
    Permalink

    @Aldo: Ti ringrazio per l’ultima parola ma non ce n’è proprio bisogno dico davvero, preferisco fare discussioni, anche lunghe, usando toni civili (come questa per esempio) 🙂
    Tornando on-topic: c’è una differenza sostanziale: se un medico presenta uno studio ad un congresso, gli altri medici saranno in grado di leggerlo, ripeterlo (se possibile) e nel caso smentirlo, indicando eventuali errori procedurali, selezione dei risultati ecc. Questa cosa in genere non avviene per guaritori, astrologi e compagnia bella, a meno che non ci sia qualcuno che si preoccupi di raccogliere statistiche e fare un’analisi seria (cosa che fa anche il CICAP all’inizio di ogni anno). Per questo ti chiedevo se esiste un qualche studio effettuato su quelli che chiami “astrologi seri”: se ce ne fosse anche uno solo che dimostra in modo inequivocabile che l’astrologia funziona sarebbe una rivoluzione senza pari. Ad oggi, non sono a conoscenza però di un tale risultato.
    Ti faccio solo notare una cosa: tutte le truffe scientifiche sono state, presto o tardi, smascherate dagli scienziati stessi; l’astrologia invece esiste da migliaia di anni, quando le sue affermazioni sono state controllate è stato accertato che non funziona eppure ancora oggi, terzo millennio, il libro di Branko è nello scaffale dei libri più venduti (l’ho visto alla Bennet di Pavia e mi sono venuti i brividi :))

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *