Un quindicenne smonta uno dei guru della candeggina

Rhys Morgan è un ragazzino di 15 anni a cui è stato diagnosticato il morbo di Crohn, una malattia cronica intestinale. Cercando i forum di pazienti con cui condividere esperienze e scambiarsi consigli, si è imbattuto in un sito che prometteva la soluzione per la sua malattia: la Miracle Mineral Solution (MMS).

L’inventore di questa pozione magica è Jim Humble che afferma nel suo sito di aver trovato:

la risposta all’AIDS, all’epatite (A, B e C), alla malaria, all’herpes, alla tubercolosi e a molti tipi di cancro. Molte malattie possono ora essere curate, Più di 75000 pazienti sono stati inclusi nei test sul campo in Africa. Trial clinici scientifici sono stati condotti in una prigione in Malawi.

Avete i brividi? Bene, anche noi.

La storia però prosegue, perché Rhys si mette a cercare la composizione della MMS e facendo qualche indagine scopre che il prodotto indica ai consumatori di miscelare una soluzione di clorito di sodio al 28% con un acido, come il succo di limone:

dopo averlo composto, assumerne qualche goccia. Potrete capire di star guarendo dalla sensazione di nausea che proverete dopo l’assunzione.

Il risultato di questa reazione, ciò che provoca la nausea e che dovrebbe provocare la guarigione, non è nient’altro che candeggina industriale, quella utilizzata per la decolorazione tessuti e il trattamento delle acque inquinate. Il sito dell’FDA dà la conferma a Rhys di essere di fronte a qualcosa di molto pericoloso.

Dei poteri miracolosi della candeggina si parla da molti anni ormai. Ogni tanto salta fuori il santone di turno che promette di curare il cancro, l’AIDS o la tubercolosi semplicemente assumendo qualche goccia di questa miracolosa ed economica pozione. Il nostro Medbunker ha scritto molto sull’argomento e trovate qui una selezione di post.

Rhys riassume il risultato delle sue ricerche in un post sul forum nel quale aveva trovato i riferimenti alla cura miracolosa, ma il suo messaggio viene censurato. Senza farsi prendere dallo sconforto apre un blog e racconta la sua storia in un video. Il video inizia ad essere linkato e in poco tempo viene ripreso da Martin Robbins del Guardian e da lì è partita una vera e propria campagna per impedire la vendita di MMS almeno in Gran Bretagna.

Jim Humble continua a girare indisturbato in Africa, ma la storia di Rhys insegna che l’azione di diffusione dello spirito critico può avere dei risultati concreti. Per Alice Bell questa vicenda dimostra come vi sia una presa di coscienza maggiore da parte soprattutto dei ragazzi per le questioni che concernono la salute:

negli ultimi anni, in Inghilterra, ci si è impegnati molto per rendere l’insegnamento delle scienze più coinvolgente, progettando piani di studio con l’intento non solo di formare la prossima generazione di scienziati, ma anche di dotare i giovani di strumenti per analizzare criticamente le affermazioni e sottoporle all’autorità scientifica.


7 pensieri riguardo “Un quindicenne smonta uno dei guru della candeggina

  • 20 Marzo 2011 in 13:20
    Permalink

    Pretendere di curare malattie come cancro e aids con un prodotto così economico ed alla portata di tutti !

    Assurdo, meno male che questi ciarlatani vengono scoperti, i medici seri sano benissimo che per gestire questi malattie ci voglono lunghi ricoveri ospedalieri, prodotti altamente tossici e dannosi come i kemioterapici,  il paziende deve sofrire e maledire ogni giorno di vita e desiderare la morte.

    Intanto i medici “seri” si ingrassano e fanno soldi a palate alla faccia del genocidio e dele sofferenze chestanno causando.

    Diverse ricerche scientifiche hanno provato la non dannosità del MMS , mentre i prodotti usati contro il cancro sono noti e il bugiardino recita “Noto cancerogeno” . 

    vedete voi !

  • 6 Gennaio 2011 in 21:57
    Permalink

    Sorry, I have to disagree entirely on any position taken without any experience on the subject.
    I’ve been using mms for 6 month in a row and I didn’t get intoxicated but, rather, I spent the first winter without a cold and bladder inflammation. Whenever I get any kind of problem like candida, throat pain or sciatica( this last one has been bothering me for years) MMs has been good to me. In general my healt has improved.
    I do have to say though that I had to adjust the dosage to the sensitivity of my body  and totally disagree with Humble about the doses and that one should never stop taking MMs.
    It is a pity that nobody took the trouble to test it out properly. It could be proved whether all that he states is true or not.
    I, anyway would not suggest it to anybody unless he is capable of curing himself.
    My love to this young guy who has to face such fisical and psicological task at 15.
    With regards.
     

  • 6 Gennaio 2011 in 19:28
    Permalink

     

    Grazie per aver pubblicato questo articolo, purtroppo ci sono molte persone indifese che cadono in questi pericolosi tranelli
    E’ disgustoso come in italia venga fatta disinformazione negando la pericolosità di questi veleni che vengono propinati come rimedi miracolosi
    alcune persone come un certo corrado penna di scienzamarcia ed altri simili invitano le persone ad assumere questi prodotti e sostengono la bontà del prodotto nonostante sia candeggina!
    Questi ciarlatani diffondono notizie pericolose e false in modo criminale nei loro blog.
    Il mio invito è di prendere d’esempio quanto fatto da questo giovane quindicenne e denunciare questi pericolosi truffatori!

     

  • 19 Ottobre 2010 in 21:44
    Permalink

    Complimenti!
    Pubblicare articoli cosi’ aiuta, IMHO, ad aumentare la conoscienza scientifica (o almeno critica) delle persone.
    Avevo gia’ letto di questa storia, ma piu’ se ne parla, meglio e’. I guaritori, tutti, che vadano al diavolo!
     

  • Pingback:Diretta dall’Amazing Meeting di Londra

  • 27 Settembre 2010 in 22:52
    Permalink

    Mettere in guardia da questi rimedi “miracolosi” è sempre ottima cosa.
    Vi segnalo un piccolo refuso nella tag e nell’articolo: è Crohn (dal cognome di Burrill Bernard Crohn) e non Chron.
     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *