Nelson, romanzo di mare con viaggi nel tempo

Rubrica settimanale curata da Silvio Sosio di fantascienza.com. Qui l’articolo originale.

Giulia Abbate
Nelson
Delos Books, Odissea Digital Fantascienza 13
Euro 3,99
e-book disponibile

La fantascienza incontra di frequente altri generi letterari, come il giallo, il thriller, il romanzo storico, persino il western. Più raro, o almeno a noi non vengono in mente altri esempi, l’incontro tra science fiction e romanzo marinaresco. Un genere affascinante anche se non popolarissimo, che ha conosciuto una buona fortuna ancora fino a qualche decennio fa con i romanzi di Patrick O’Brian (dai quali fu tratto il film Master And Commander, con Russell Crowe) o quelli di C.S. Forester e il suo capitano Hornblower. Personaggi i quali, tra l’altro, hanno in parte ispirato anche la figura di un certo capitano di astronave.

Nelson, romanzo di Giulia Abbate giunto in finale al premio Odissea dell’anno scorso, è un romanzo marinaresco con elementi di fantascienza. Siamo nell’ottocento, nei mari delle Antille, ma il mondo in cui vive Nelson, ammiraglio di una flotta irregolare più o meno al servizio del Re di Inghilterra, non è lo stesso che conosciamo. Qualcosa è intervenuto a turbare il tessuto del tempo, viaggiatori dal futuro che portano idee, conoscenze, tecnologie.

Un romanzo insieme appassionante e malinconico, che porta alla ribalta una nuova autrice di grande talento.

Sinossi

Corsari. O forse qualcosa di meno, perché l’Inghilterra ormai si cura ben poco di loro, di Claude Nelson e della sua sgangherata flotta che depreda le ricche navi spagnole e francesi nei mari americani. In madre patria, l’interesse per il Nuovo Mondo è scemato: ora le novità sono altre, sono quelle che portano i misteriosi viaggiatori che arrivano da altre epoche, dal futuro. Che portano cannocchiali che vedono più lontano, pipe che non si frantumano, radio per comunicare istantaneamente a molte leghe di distanza.

Ma forse, anche per i viaggiatori le cose non vanno troppo bene. Forse c’è un motivo per cui ne arrivano tanti.

L’autore

Editor e coach di scrittura, Giulia Abbate è cofondatrice di Studio83, agenzia di servizi editoriali specializzata nel sostegno agli autori esordienti.

Ha esordito nel 2011 con Lezioni sul domani, antologia di racconti di fantascienza. Ha pubblicato recensioni su portali di genere (Continuum, MilanoNera, ThrillerCafé) e racconti apparsi in varie antologie (Fuga da mondi incantati, Crisis, Canti d’abisso,Terra promessa, Occhi di Tenebra, La cattiva strada, Le Variazioni Gernsback e altre).

Nata a Roma nel 1983, dal 2004 vive a Milano. Ha due figlie.

Silvio Sosio

4 pensieri riguardo “Nelson, romanzo di mare con viaggi nel tempo

  • 29 Febbraio 2016 in 08:45
    Permalink

    Ero certo che qualcuno avrebbe fatto un’osservazione del genere. La responsabilità è solo del grafico che ha scelto l’immagine; che comunque non è e non vuole essere una accurata e documentata illustrazione degli avvenimenti che si svolgono nel romanzo, ma solo restituire l’idea di romanzo marinaresco. Quasi mai, del resto, le copertine sono illustrazioni strettamente legate al contenuto del libro.

  • 29 Febbraio 2016 in 03:21
    Permalink

    Osservando l’illustrazione di copertina verrebbe da dire che si comincia male: è raffigurato non il classico vascello di fine ‘700 ma un galeone di più di cento anni prima. Non depone a favore dell’accuratezza della documentazione, cosa assai curata nelle illustrazioni dei libri di O’ Brian.

  • 27 Febbraio 2016 in 13:12
    Permalink

    Sì, qualcosa di marinaresco c’è anche in Mondo9, vero. Non è proprio quel genere.

  • 27 Febbraio 2016 in 00:33
    Permalink

    Per la cronaca: anche Mondo9 di Dario Tonani è in sostanza un romanzo marinaresco sci-fi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *