Creazionisti turchi a Milano, un aggiornamento

Ci eravamo lasciati con l’annuncio della conferenza creazionista di questa sera (giovedì 21 ottobre) al Palazzo delle Stelline di Milano. La notizia ha fatto il giro del web e molta gente si è messa a indagare.

Sylvie Coyaud su OggiScienza ci informa che:

L’evento è organizzato da Fabrizio Fratus, ex segretario della sottosegretario Daniela Santanchè, capo del Comitato antievoluzionista anti-Darwin, […] Purtroppo, in attesa dell’appello, [Harun Yahya] è trattenuto in patria da una condanna a tre anni di carcere per coercizioni sessuali di gruppo con ragazze minorenni ed altri reati. Lo sostituiscono due “scienziati” al suo servizio, il medico Cihat Gündoğdu e il chirurgo Oktar Babuna, piazzisti dell’Atlante della Creazione (nota 1) ossia la Genesi  secondo il titolare.

Marco Ferrari di Leucophaea ha cercato di andare più a fondo della vicenda e ha chiamato il Palazzo delle Stelline:

una telefonata alle Stelline mi ha svelato che la sala è del comune (nel complesso esistono anche sale di altre società), che però ha affittato la sala stessa a una “società” che ha a sua volta organizzato la conferenza. La società si chiama Hora24 e, a parte il nome curioso (non ho avuto voglia di andare a vedere l’origine) ha alle spalle poche persone. Questi si chiamano Andrea Calvi, Barbara Galimberti e Andrea Leghesa.

Con qualche indagine, Marco scopre che Galimberti e Leghesa sono noti alle cronache per aver preso parte a una rissa tra esponenti del MSI qualche anno fa (qui il pezzetto sul Corriere). Ora si occupano con Calvi di Hora24, una società di comunicazione elettorale che sta lavorando per le elezioni del 2011.

Insomma, non si parla solo di scienza distorta o di creazionisti islamici in tournée, ma sembra esserci di mezzo anche un bel po’ di brutta politica. A domani per ulteriori aggiornamenti.

Aggiornamento delle 15.32 – scopriamo che probabilmente la conferenza sarà mandata in diretta streaming su harunyahya.tv.

Aggiornamento delle 22.41- la diretta streaming in realtà non c’è stata. Ogni sera su harunyahya.tv va in onda un salottino con Yahya e qualche ospite. Questa sera per un minuto c’è stato un collegamento fra questo salottino e la sede della conferenza milanese. Yahya ha salutato il pubblico presente ed è tornato alle sue chiacchere in studio.

12 pensieri riguardo “Creazionisti turchi a Milano, un aggiornamento

  • Pingback:Creazionismo, nuovo flop a Milano | InformazioneLibera.com

  • Pingback:Dopo i “nazisti dell’Illinois” ecco “i creazionisti turchi” (da queryonline) « musicapervecchianimali…

  • Pingback:Roma Capoccia, ovvero cosa mi hai portato a fare sopra a Posillipo se..... - Pagina 498 - BaroneRosso.it Forum

  • Pingback:Creazionisti turchi a Milano, il resoconto

  • 21 Ottobre 2010 in 22:00
    Permalink

    Confondere un Tiktaalik con un alligatore è come confondere un serpente con un’anguilla (come fa Harun Yahya nel suo Atlante della creazione): c’è qualche somiglianza nella forma, ma sono animali ben differenti e uno zoologo vero non si sbaglia.
    Comunque, sempre meglio che pubblicare la foto di un’esca artificiale per la pesca scambiandola per una friganea (come fa Harun Yahya nel suo Atlante della creazione).
    Cfr. Richard Dawkins, Il più grande spettacolo della Terra, Milano : A. Mondadori, p.132; cito da questa recensione:
    http://bibliotopia.altervista.org/pubblicazioni/mah/mah21libri.htm
     

  • Pingback:Tweets that mention Creazionisti turchi a Milano, un aggiornamento -- Topsy.com

  • 21 Ottobre 2010 in 19:27
    Permalink

    Dimenticavo, la teoria dell’evoluzione (il termine “darwinismo”, in scienza, non esiste), NON si occupa dell’inizio della vita ma, appunto, della sua evoluzione. L’inizio della vita è studiato dalla abiogenesi.
    Quindi, dire che l’evoluzione è incompleta perchè non spiega l’origine della vita è come prendersela con un cardiologo che non sa curare un tumore.

  • 21 Ottobre 2010 in 19:23
    Permalink

    Pregasi notare che non viene citata alcuna fonte  corroborante l’estraneità degli arti al Tiktaalik; si tratta di un parere personale di chi scrive, niente di più, niente di meno.
    E’ ovvio che l’artista abbia dovuto inventarsi l’aspetto dell’animale vivente, visto che si hanno in mano pezzi del fossile. E’ come ricreare il corpo vivente di uno scheletro mai visto prima; basandosi sulla simmetria e sulle proporzioni si può ricostruire il corpo, magari con qualche infiorettamento artistico puramente estetico.
    Qui un modello di cranio di Alligator Sinensis:
    http://www.skullsunlimited.com/userfiles/image/variants_large_3178.jpg
    Qui il Tiktaalik:
    http://www90.homepage.villanova.edu/lowell.gustafson/anthropology/TIKTAALIK.jpg
    Simile forse, ma certo non “identico”, considerando anche le dimensioni del cranio del fossile (qui un calco):
    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/20/Neil_Shubin.jpg
    ed il fatto che il fossile presenta branchie, costole simili a quelle dei tetrapodi e file (plurale) di denti.

  • 21 Ottobre 2010 in 19:06
    Permalink

    In che modo i darwinisti hanno trasformato il Tiktaalik roseae in un falso fossile intermedio?

    Molti aspetti della truffa darwinista che riguarda la Tiktaalik Roseae, per lunghi anni oggetto di speculazione da parte dei darwinisti, sono ora stati svelati. La frode darwinista, che abbiamo mantenuto all’ordine del giorno così tante volte, è stata rivelata ancora una volta, con nuovi aspetti. Si è visto ancora una volta che gli uomini sono stati sviati dai darwinisti: IL TIKTAALIK ROSAE NON È ALTRO CHE UNA SPECIE DI ALLIGATORE:

    * Ci sono vari fatti molto importanti che riguardano il Tiktaalik Roseae e che devono essere conosciuti. Il fossile di Tiktaalik Roseae, che fino ad oggi era stato globalmente ritratto con strane zampe e anche con il suo intero corpo – ricostruzioni del quale sono state preparate e mostrate nei musei – e che per anni è stato descritto nei libri come un fossile intermedio, di fatto È COMPOSTO UNICAMENTE DA UN CRANIO.

    * Nessuna delle ossa aggiunte al cranio appartiene assolutamente a questa forma di vita, ESSE SONO OSSA CHE APPARTENGONO AD ALTRE FORME DI VITA scoperte negli stessi strati ricchi di fossili.

    * I frammenti di pinne che si è cercato di collegare a questo animale appartengono in realtà ad altri pesci fossili che vissero negli stessi strati. SONO STATI PERPETRATI DEI TENTATIVI INTENZIONALI DI RITRARLI COME PARTE DEL CRANIO SCOPERTO. In questo modo il Tiktaalik Roseae è stato trasformato in un falso fossile intermedio.

    * Quindi, ogni speculazione sul cranio dell’animale e sulle altre parti ad esso aggiunte è FALSA.

    * Tutte le caratteristiche del cranio sono TIPICHE DEGLI ALLIGATORI: Gli occhi sono ravvicinati e posti sulla parte superiore della testa, il cranio piatto, il cranio che può muoversi indipendentemente dal corpo, i denti aguzzi e il suo aspetto complessivo sono tutti specifici degli alligatori. Nell’aspetto, l’animale È IDENTICO ALLA SPECIE ALLIGATOR SINANSIS che vive nell’odierna Cina.

    * Sicuramente, qui la frode può essere vista esaminando il racconto dell’artista coinvolto nella ricostruzione del Tiktaalik Roseae. Nel ricostruire il fossile, l’artista in questione dice esplicitamente DI AVER TOTALMENTE INVENTATO LA CREATURA CON IL POTERE DELLA PROPRIA IMMAGINAZIONE.

    * Inoltre, lo stesso artista non si è fatto scrupoli a dire che fu necessaria una notevole componente di speculazione per produrre l’aspetto di un vivente da un singolo resto fossile.

    * Come abbiamo visto, non è affatto difficile per un artista darwinista sotto l’influenza dell’evoluzione trasformare un cranio che presenta unicamente caratteristiche da alligatore in una forma transizionale dall’aspetto davvero bizzarro. L’inganno del Tiktaalik Roseae che è proseguito per così tanti anni è stato visto da milioni di persone per mezzo di questa semplice tecnica di inganno.

    * Alcune persone che non hanno grande conoscenza dell’argomento possono incorrere nell’errore di pensare che i darwinisti si siano comportati da scienziati, che sia davvero stato scoperto un fossile intermedio e che quello mostrato è l’animale come effettivamente appariva. Il fatto è, però, che tutto ciò che hanno è un cranio di alligatore, ossa e frammenti di pinne che appartengono a pesci e ad altre forme di vita scoperte nei dintorni del cranio, e il potere dell’immaginazione di un artista guidato dalle favole dell’evoluzione. Riassumendo, i darwinisti hanno ingannato gli uomini ancora una volta.

    * Il Tiktaalik Roseae è un falso fossile transizionale messo in vista dai darwinisti per un bisogno urgente, in un momento in cui essi si trovano nella peggiore disperazione e hanno iniziato ad essere sconfitti. Esattamente come con le frodi dell’Ida, Ardi e Austrolapithecus Sediba, che hanno recentemente inflitto una terribile umiliazione ai darwinisti.

    * In realtà il Tiktaalik Roseae è una perfetta specie di alligatore, esemplari della quale sono in vita ancora oggi. Esso visse 375 milioni di anni fa ED È DEL TUTTO IDENTICO ALLE SPECIE VIVENTI DI ALLIGATORE.

    * Questa forma di vita, in realtà, è UN FOSSILE VIVENTE CHE DEMOLISCE COMPLETAMENTE IL DARWINISMO.

    * Finché la speculazione darwinista persiste, ovviamente noi continueremo a dare chiarimenti sulle loro frodi basate su fossili intermedi. Ma il vero problema è che i darwinisti NON SONO ANCORA RIUSCITI A SPIEGARE COME UNA SINGOLA PROTEINA POSSA ESSERE APPARSA SPONTANEAMENTE. L’evoluzione crolla proprio nella fase dell’inizio della vita.

    * È davvero umiliante, per i darwinisti, offrire resoconti ingannevoli su un essere vivente le cui pinne si trasformarono in zampe QUANDO NON SANNO SPIEGARE COME UNA SINGOLA PROTEINA SIA PERVENUTA ALL’ESISTENZA, QUANDO SONO STATI SCONFITTI PROPRIO ALL’INIZIO DELLA VITA.

    * Ora c’è ancora maggior scalpore su un’altra frode darwinista. Ma la frode è stata rivelata completamente, in tutti gli aspetti. I darwinisti sono rimasti senza via di uscita. Ogni volta che presentano una frode, questa sarà inevitabilmente annientata. E vorremmo ricordare ancora una volta al pubblico che essi sono lasciati senza parole addirittura da una singola proteina.

    http://us3.harunyahya.com/Detail/T/ZK9GNVJF290/productId/32873/

  • 21 Ottobre 2010 in 15:20
    Permalink

    Panico Darwinista ha già iniziato in Italia!
    tutti i darwinisti sanno che Adnan  Oktar smonterà le loro tesi. Adnan Oktar ha frequentemente reiterato l’offerta  di dare una grossa ricompensa a chiunque sarà in grado di produrre una prova  di un fossile di transizione, ma la sfida non è stata mai accettata. La ragione di  ciò è che i darwinisti sono stati sconfitti da Adnan Oktar e dalla sublime Creazione del nostro Signore.  I darwinisti non hanno neanche un falso mezzo per  difendere  questa  obsoleta  e   disgraziata  teoria.   I  darwinisti non  se la sarebbero mai aspettato che il 21° secolo sarebbe stato una totale sconfitta  per   loro,   e   controvoglia   stanno   assistendo   alla   disgregazione   delle   loro affermazioni.

  • 21 Ottobre 2010 in 14:38
    Permalink

    Sin dagli anni dell’Università, ha dedicato la sua vita a parlare dell’esistenza e unicità dell’Onnipotente Dio, e alla diffusione dei valori morali presenti nel Corano. Non ha mai esitato davanti alle difficoltà e nonostante l’oppressione, ancora oggi continua questa sua lotta intellettuale dimostrando di possedere una grande pazienza e determinazione.
    La lotta intellettuale di Adnan Oktar fu osteggiata con varie campagne diffamatorie.  Diverse volte,  ingiustificate diffamazioni e accuse hanno portato al suo arresto e detenzione per mesi, sebbene alla fine sia risultato sempre innocente.  Questa foto lo mostra mentre viene portato via dalla polizia
    Le  sue attività intellettuali in opposizione al materialismo e all’ateismo cominciarono a suscitare reazioni in ambienti ancora più vasti.  Certi gruppi, allarmati dalle attività nazionaliste e religiose di Adnan Oktar, predisposero un formidabile complotto contro di lui.   Il loro piano coincideva con la pubblicazione della sua opera  Giudaismo e massoneria, che provocò una enorme reazione.
     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *