Terremoto a Roma: parla l’INGV

Torniamo sulla profezia di Bendandi che vedrebbe la città di Roma vittima di un terremoto devastante il prossimo 11 maggio. Noi ne avevamo parlato qui e in redazione continuano ad arrivarci richieste di approfondimento.

I ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia spiegano in un video perché sostanzialmente i romani possono star tranquilli.

via LegaNerd

13 pensieri riguardo “Terremoto a Roma: parla l’INGV

  • 15 Aprile 2011 in 14:44
    Permalink

    Una volta tanto un Istituto Nazionale si “compromette” esprimendo un parere che non può che essere più autorevole rispetto ai pareri di singole organizzazioni scettiche e di singoli gruppi creduloni. Speriamo che avvvenga più spesso. Ad esempio, lo chiesi già in passato, che un Istituto Universitario di Geologia si esprimesse su qualcuna delle più note discese in salita.

    Risposta
  • 5 Maggio 2011 in 12:16
    Permalink

    Ad esempio, lo chiesi già in passato, che un Istituto Universitario di Geologia si esprimesse su qualcuna delle più note discese in salita.
    Mi sembra eccessivo, come ammazzare una zanzara con un kalashniikov. Per smontare la salita in discesa (o la discesa in salita) basta una livella….

    Risposta
  • Pingback:Terremoto a Roma l’11 maggio? Ci potete scommettere « Paoblog

  • 5 Maggio 2011 in 18:57
    Permalink

    Per smontare la salita in discesa (o la discesa in salita) basta una livella….
    No Andrea: se ci fosse una anomalia gravitazionale, anche la livella ne risentirebbe… ci vuole uno strumento che misuri la pendenza senza usare la forza di gravità (un teodolite da lontano?).

    Risposta
  • 5 Maggio 2011 in 22:00
    Permalink

    forse non lo sapete ma c’è un tizio che si chiama matteo ciuffrida dice di avere le carte originali di bendandi e studiandole dice che il terremoto sarà al sud italia forse marsili  –napoli 9 palermo  grado scala richter ed è molto sicuro di quello che dice

    Risposta
  • 5 Maggio 2011 in 22:02
    Permalink

    Sulle salite in discesa, se ci fosse un’anomalia gravitazionale NON CE NE ACCORGEREMO. Semplicemente sentiremo la verticale nella direzione “giusta”, quella in cui l’acqua scende. Anche il nostro senso di verticale è una livella (otoliti nel labirinto), solo che è imprecisa e facilmente influenzata da altri fattori (es. prospettiva).
    Quindi il fatto stesso che la percepiamo “sbagliata” dimostra che NON È un anomalia gravitazionale.
    Su Bendandi. Qualcuno ha dato una letta alla voce agiografica su Wikipedia? Qualcuno con piu’ conoscenze di me potrebbe darci una ripassata?
     

    Risposta
  • 6 Maggio 2011 in 00:04
    Permalink

    da vedere se vero questo terremoto 11 maggio. dicono anche che il 21 maggio 2011 ci sara la venuta di cristo aspettiamo 11 maggio 21 maggio poi vediamo cosa si inventano tutti

    Risposta
  • 6 Maggio 2011 in 00:06
    Permalink

    certamente da qualcuno e uscita queste cose si deve andare alla fonte ho aspettare

    Risposta
  • 7 Maggio 2011 in 11:38
    Permalink

    certamente questa cosa è uscita dalla mente bacata di qualche squinternato che non ha null’altro da fare nella sua vita…e che sicuramente non vive a Roma come ci vivo io e altre 6 milioni di persone…

    Risposta
  • Pingback:Terremoto a Roma l’11 maggio? Ci potete scommettere

Rispondi a rosaria Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *