Baba Vanga e la terza guerra mondiale

Prosegue l’inchiesta di Queryonline sulle profezie relative alla fine del 2010. Qui e qui le puntate precedenti.

La terza guerra mondiale inizierà nel novembre 2010 e finirà nell’ottobre 2014. Comincerà come una guerra normale, poi verranno usate armi chimiche e nucleari. Nel 2011, a causa delle piogge radioattive, nell’emisfero settentrionale non ci saranno più né animali, né piante. I musulmani inizieranno una guerra chimica contro gli europei ancora in vita.

Queste previsioni spaventose, riportate su molti siti e forum, sono attribuite a Baba Vanga, una veggente bulgara che avrebbe predetto tra l’altro gli attentati dell’11 settembre e l’affondamento del sottomarino Kursk. Ma prima che qualcuno corra a costruirsi un bunker antinucleare, è necessario chiarire chi era Baba Vanga.

Vangelia Pandeva Dimitrova nacque a Strumica, nell’odierna Macedonia, il 31 gennaio 1911. Sulla sua vita sono fiorite molte leggende, spesso incoraggiate da lei stessa. Secondo una di queste avrebbe perso la vista all’età di dodici anni, a causa di una tromba d’aria che la sollevò e la scaraventò a terra: quando fu ritrovata dai familiari aveva gli occhi pieni di polvere e sabbia, e non fu mai più in grado di aprirli. Questa storia desta parecchie perplessità, dal momento che anche un’altra famosa sensitiva bulgara, la “venerabile Stoina” (1883-1933), avrebbe perso la vista nello stesso modo. E’ quindi possibile che Baba Vanga abbia incoraggiato questa diceria per presentarsi come l’erede naturale di Stoina.

Comunque siano andate le cose, Baba Vanga frequentò una scuola per ciechi, e a 15 anni tornò a casa per aiutare la famiglia. Scoperte le sue capacità medianiche, Baba Vanga cominciò a ricevere gente in cerca di consigli. In molti casi i suoi interventi si limitavano a semplici suggerimenti pratici o a cure naturali; in altri Baba Vanga “agiva direttamente sul piano spirituale”. Nel caso di bambini malati, per esempio, spesso individuava la causa in una maledizione della famiglia: per scongiurarla, secondo un’antica tradizione bulgara, adottava lei stessa i bambini, in modo che le maledizioni dei genitori non potessero toccarli. Si calcola che nell’arco della sua vita abbia “adottato” (simbolicamente) circa 3000 bambini.

Convinta sostenitrice dell’esistenza di extraterrestri sui pianeti del sistema solare, ha lasciato un corpus di previsioni che spaziano fino al 5079, anno per cui vide la fine del mondo. Per i curiosi, la lista è riportata su innumerevoli siti internet (ad esempio qui).

Baba Vanga ebbe una vita molto ricca, nonostante la sua cecità: sposò un ufficiale bulgaro (con cui andò a vivere nella città di Petrich, in Bulgaria), fu considerata una veggente, e fino alla morte, avvenuta nel 1996, frequentò il meglio della società e del mondo politico bulgaro. Nonostante l’opposizione del clero ortodosso, che vedeva nelle sue capacità un potere diabolico, la sua casa venne frequentata da personaggi del calibro di Zhan Videnov, Todor Zhivkov e Petar Stoyanov. Questa circostanza ha fatto crescere il dubbio, tra gli oppositori, che alcune delle sue previsioni fossero elaborate usando i dati dei servizi segreti. Ma probabilmente la spiegazione del suo successo risiede in un particolare molto più prosaico: il linguaggio usato da Baba Vanga. La donna non lasciò infatti nulla di scritto, e le sue previsioni sono fatte in un dialetto molto stretto, tanto da dover essere sottotitolato anche nei servizi della TV bulgara. Questo fatto, unito alle immagini poetiche e alle metafore usate nelle sue previsioni, hanno fatto sì che spesso le sue descrizioni fossero incerte e nebulose, e si potessero cambiare nel corso del tempo a seconda dell’interpretazione più conveniente.

Un esempio? Secondo una previsione, la terza guerra mondiale avrebbe dovuto essere preceduta, nel 2008, da alcuni scontri in Indonesia. Quando questo non si verificò, i seguaci di Baba Vanga lo attribuirono a un errore di interpretazione, e decisero che Baba Vanga doveva aver detto “India” (facendo quindi combaciare la previsione con gli attacchi terroristici di Mumbay).

E’ comunque evidente una cosa, comune a gran parte dei “veggenti”: il significato delle profezie diventa chiaro solo dopo che un fatto si è verificato. E’ il caso ad esempio della previsione sul disastro dell’11 settembre, legata secondo gli interpreti alla sibillina frase “Orrore, orrore! La fratellanza americana cadrà dopo essere stata attaccata dagli uccelli d’acciaio. I lupi ululeranno in un cespuglio, e sangue innocente verrà versato”; inutile dire che nessuno aveva mai fatto un collegamento con le torri gemelle, prima degli attentati che le hanno coinvolte. Inoltre c’è da dire che sui siti internet che parlano di Baba Vanga si tende a selezionare solo le previsioni azzeccate, mentre quelle non verificate vengono presto dimenticate e tralasciate. Nel caso di Baba Vanga, ad esempio, tutti citano le previsioni sul sottomarino Kursk e sull’11 settembre, ma quasi nessuno cita quella sui quattro importanti leader mondiali (tra cui gli interpreti annoveravano anche Obama) che avrebbero dovuto essere assassinati nel corso del 2009.

A differenza di altri presunti veggenti, comunque, Baba Vanga ha avutò l’onestà di indicare nelle sue profezie riferimenti temporali precisi: nonostante qualche dubbio possa essere avanzato già da ora, quindi, sarà solo il tempo a dirci con certezza assoluta se le previsioni di Baba Vanga sono, o non sono, degne di fede.

20 pensieri riguardo “Baba Vanga e la terza guerra mondiale

  • 24 Novembre 2010 in 14:39
    Permalink

    Evangelia Pandeva è per me una grande Profetessa perché la sua vita, il suo modo di profetare, le sue Profezie sono nello “standard” dei grandi Profeti, presenti e passati. Detto questo, rimane il fatto che a nessun grande Profeta viene dato di vedere esattamente il cosa, il come e il quando. Esempio, Don Guido Bortoluzzi, parroco di Casso, vide il disastro del Vajont, ma non vide la diga (allora non era costruita) e la data. Ragion per cui nessuno credette che una onda alta trecento metri potesse alzarsi da una frana del Toc in un torrente.Inoltre la vide 18 anni prima, quindi fu preso per pazzo e visionario. Se fosse possibile prevedere esattamente il come, il quando, il cosa, noi non avremmo alcuna libertà, ma non solo noi: anche Dio non l’ avrebbe, perché si legherebbe le mani da solo. Le Profezie quindi ci danno “pennellate” di eventi che possono risultare, quando si verificano, più gravi, meno gravi, o notevolmente diversi da come li abbiamo interpretati. Ad esempio le visioni di un futuro distante secoli non ci rappresentano sicuramente le case e gli uomini come saranno allora nell’ aspetto esteriore. Noi abbiamo il potere di modificare in meglio o in peggio il nostro futuro, con la buona  o la cattiva nostra volontà. Possiamo rinviarlo o anticiparlo nel  Tempo. In conclusione: la maggior parte delle Profezie di Evangelia si realizzeranno, ma non nei tempi, nelle successioni temporali, nelle date e nelle modalità esatte in cui sono state trascritte (non dimentichiamo che lei non scriveva e non leggeva). Altre non si realizzeranno, perché a tutti i grandi Profeti sono state date anche Profezie che si sarebbero realizzate a determinate condizioni che poi non si sono verificate. Ad esempio se l’ uomo si convertisse e credesse non scoppierebbe nemmeno questa cosiddetta terza guerra mondiale. E anche le Profezie che si realizzeranno lasceranno sempre il dubbio (per gli scettici sarà certezza) di essere eventi descritti in modo volutamente lacunoso e ambiguo, in maniera da poter affermare, comunque, di avere il dono della Profezia.

    Risposta
  • 24 Novembre 2010 in 14:58
    Permalink

    Beh, sperare che si sbagli è d obbligo però non è che ha cioccato più di tanto, se Corea del Nord vs Corea del Sud non si danno una calmata finisce male, per forza di cose interverranno gli USA in caso di degenerazione.. E poi? Chi altri? Giappone e Russia in polemica giorni fa.. La Cina.. Meglio che si diano una calmata tutti.

    Risposta
  • Pingback:Tweets that mention Baba Vanga e la terza guerra mondiale -- Topsy.com

  • 26 Novembre 2010 in 15:12
    Permalink

    Le previsioni di Baba Vanga, mettono i brividi.
    La cosa che mi lascia perplesso è che lei ha indicato un mese preciso ( Novembre ) e i ” venti di guerra” tra le Coree, sembrerebbero darle ragione.
    La verità la sapremo tra pochi giorni, quando inizieranno le esercitazioni congiunte Corea del Sud-Usa, e in caso di nuovo attacco dal Nord, sarebbe davvero la fine, con un inizio di guerra inevitabile, credo.
    E’ davvero il caso, che si faccia di tutto per evitare la guerra.
    Speriamo che delle profenzie di Baba Vanga ne abbiano parlato anche ad Obama…
    In quanto, non mi sembra, che l Usa ne uscirebbe bene…

    Risposta
  • 26 Novembre 2010 in 15:24
    Permalink

    Menagrama, la vecchietta!
    Comunque è vero che i venti di guerra ci sono, ma potrebbe essere tranquillamente una coincidenza. Tensioni fra le due Coree ce ne sono già state in passato, e di qui a sfociare in un conflitto mondiale ce ne passa ancora (anche perchè non credo che la Cina abbia tutta questa voglia di farsi trascinare in una guerra da Pyongyang). Che dire? Fra pochi giorni sapremo!

    Risposta
  • 27 Novembre 2010 in 20:53
    Permalink

    Ma se le profezie non possono essere precise, non sempre sono corrette e possono solo dare una vaga idea di quello che forse avverrà…. ma allora…. A CHE SERVONO?

    Risposta
  • 28 Novembre 2010 in 17:48
    Permalink

    Signori miei io non so che dirvi ma un po’ di brividi ce l’ho…speriamo che si sia sbagliata e che questa tensione tra le coree finisca a tarallucci e vino altrimenti come dice giustamente D. potrebbero entrare in campo Cina Russia e USA…

    Risposta
  • 28 Novembre 2010 in 19:20
    Permalink

    Ci si ricorda di una profezia solo quando succede qualcosa che in qualche modo la richiama. E’ come la pareidolia. Ognuno vede quello che vuole vedere. A me i brividi verrebbero se qualcuno di quelli che “decidono” a vari livelli nel mondo, le prendesse sul serio.

    Risposta
  • 28 Novembre 2010 in 23:41
    Permalink

    Mi faccio solo questa domanda:
    perchè le grandi guerre sono state sempre presenti ciclicamente fra le civiltà del passato? Prima o poi è matematicamente provato che scoppierà una grande guerra anche con i nostri mezzi tecnologici… e saranno guai enormi! Ma ricordo che il nostro “benessere” ed edonismo non basteranno per evitarci la crudezza della guerra…

    Risposta
  • 29 Novembre 2010 in 13:25
    Permalink

    28 novembre 2010… il ciclone Wikileaks si abbatte sull’Occidente…

    Risposta
  • 29 Novembre 2010 in 13:43
    Permalink

    E’ comunque evidente una cosa, comune a gran parte dei “veggenti”: il significato delle profezie diventa chiaro solo dopo che un fatto si è verificato.” Viviamo in tempi in cui ogni giorno succede qualche cosa di drammatico in qualche parte del mondo. Se non è la Corea è l’Iraq, se non è l’Iraq è l’Iran. Se non son guerre son scossoni come Wilkilieaks… Insomma, il succo della faccenda è che non serve essere sensitivi per prevedere che succederà “qualcosa di grosso”.

     

    Risposta
  • Pingback:Novembre è passato: siamo salvi

  • 7 Gennaio 2011 in 11:34
    Permalink

    E via! …ennesima previsione a vuoto e un altro veggente\santone sminchiato! Avanti il prossimo!
     

    Risposta
  • 7 Gennaio 2011 in 15:11
    Permalink

    Il mondo è pieno di ciarlatani e questa non è altro che una di questi

    Risposta
  • 23 Gennaio 2011 in 22:06
    Permalink

    Voglio scusarmi se scrivo con sbagli pero non parlo molto bene l’italiano :). volevo dire una cosa io sono bulgara e so molto bene la storia di Baba Vanga e conosco molte persone che sono andate da lei e ha indovinato tutto adesso vi raconto cosa e successo a un conoscente di mio padre. allora questo uomo ha deciso di andare da lei per vedere cosa gli dira e arrivato a casa sua e quando e arrivato davanti alla casa lei e uscita e gli ha detto “torna subito a casa tua moglie e morta ” e infatti lui e tornato a casa e sua moglie era morta . poi un altra cosa che e succesa ad un amico di mio padre (voglio precisare una cosa noi Bulgari siamo una nazione che non crede molto a queste cose ) e allora l’amico di mio padre ha deciso di andare da Baba (nonna ) Vanga  con un suo amico stavano viagiando e l’altro uomo ha detto “ma vaffanculo quella non sa niente non puo vedere niente ” e ha cominciato a insultarla sono arrivati da lei e quando sono entrati lei gli ha detto “tu te ne devi andare hai parlato male di me e non credi alle cose che dico allora non devi restare ” vedete che e vero non voglio obbligare nessuno a credere pero volevo dire queste cose perche conosco la sua storia 🙂 poi io sono atea (non so se si dice cosi in italiano) non credo in Dio  non vado in chiesa  pero a Baba Vanga credo perche ha detto molte cose che certamente voi non sapete perche siete di un altra nazionalita e si sono avverate lei non ha avuto dei figli pero se non mi sbaglio ha adottato una ragazza che adesso dice di avere questa dote di vedere il futuro ma sinceramente io non credo che sia vero penso che vuole fare soldi con il nome di Baba Vanga 🙁 poi ogni uno di noi sceglie quello in qui vuole credere da piccola mia madre e mio padre mi parlavano sempre di lei io sono nata poco prima che lei morisse 🙁 e mi dispiace di non averla conosciuta

    Risposta
  • Pingback:La catena di Sant’Antonio numerologica

  • 3 Aprile 2011 in 12:30
    Permalink

    Sarà stata anche una brava persona con doti fuori da comune, ma è palese a tutti che la sua previsione (o dei furbacchioni che l’hanno scritta a nome suo per specularci sopra) della guerra mondiale che inizia nel novembre 2010 non si è avverata…Come del resto fino ad oggi non si è “mai” avverata nessuna profezia di nessun presunto veggente…Questo mondo è un mistero insondabile…nulla è certo…un pò di umiltà…!

    Risposta
  • 14 Aprile 2011 in 10:46
    Permalink

    non so, ma le rivolte in nord africa sono iniziate a novebre ( a detta di esperti sono fomentate dai alcuni governati euro-americani ), noi in guerra ci stiamo, va io mi preparo poi si vedrà.

    Risposta
  • 28 Aprile 2011 in 14:01
    Permalink

    non ho letto tutti i commenti quindi potrebbero essercene di simili. ma ragioniamo un attimo sulla figura del profeta. il profeta è colui che racconta un evento futuro che SICURAMENTE AVVERRA’. se una persona definita “profeta” vede, come per esempio questa Baba, che “due uccelli di acciaio” distruggeranno la “fratellanza americana” in un determinato tempo, è una profezia chiaramente molto vaga, ma se fosse un pelo più precisa come se al posto di “fratellanza americana” ci fossero le “torri gemelle”, la profezia non diverrebbe mai tale perchè il genere umano agirebbe di conseguenza alla profezia, e preventivamente al fatto. dunque non potrebbe mai accadere. non esisterebbero profeti se si potesse evitare ciò che profetizzano. ad ogni modo non ne ho mai conosciuto uno e non posso avere un’idea sulla loro esistenza o meno, quindi tutto questo lo dico allo scopo di ragionare sui vostri ragionamenti

    Risposta
  • 10 Luglio 2016 in 07:47
    Permalink

    Cavolo che brutta guerra è stata e che fortuna essere sopravvissuto! Tutto sommato però la vita qui nel bunker antiatomico non è così male, non manca niente, neanche Internet e le sue boiate… 😛

    Risposta

Rispondi a vinny53 Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *