Ma gli scettici sognano pecore elettriche? – Segnalibri di aprile

segnalibri

Al contrario di quanto sostenuto spesso dai loro detrattori, i veri scienziati sono aperti a rimettere in discussione anche le proprie convinzioni essenziali, se nuove prove ed evidenze dimostrano che erano in torto. E sarà interessante vedere come sarà riscritta l’intera storia di tutto, ora che un gruppo di scienziati sembra aver trovato tracce dell’Universo precedenti il Big Bang.

Dario Bressanini ci conduce ancora una volta sui sentieri della migliore cucina e delle più squisite ricercatezze enogastronomiche: non potete dire di aver mangiato fragole se non le avete mai assaggiate condite con un pizzico del più costoso zucchero al mondo, ottenuto con un complesso procedimento di “lambimento” reciproco.

Ma a tavola è importante anche l’etica, come ben sappiamo. Ed è ora di dire basta alla scienza in fattoria! Non è accettabile questa continua manipolazione di piante e animali, soprattutto quando si superano i limiti della pietà e della geometria, come ben illustra Lisa Signorile in questo straziante pezzo sui maiali a quadrotti.

Ancora sul fronte ambientalista, una buona notizia arriva da Pistoia: in fase di costruzione la prima autostrada interamente dedicata ai ciclisti. Mentre, in materia di animali, due nuovi avvistamenti di BigFoot e Nessie rimettono in discussione la geo-zoologia magica come siamo abituati a pensarla.

Siamo certi che farà discutere la proposta di legge di abolire la matematica nelle scuole. Noi però ci sentiamo di sostenerla: la scienza è andata avanti, la matematica è superata.

E sempre in tema di conquiste e diritti civili, speriamo che i nostri lettori sostengano compatti l’appello di Slow Fool per un’Italia libera dai MGO.

Una notizia di costume, che però la dice lunga sugli inarrestabili cambiamenti cui stiamo assistendo nel mondo scientifico: il CERN cambia font. E d’altra parte, la ricerca è così inarrestabile che persino la Miskatonic University ha sentito il bisogno di aggiornarsi per rimanere al passo coi tempi, lanciando una nuova rivista dedicata alle speculazioni psicologiche.

 

Sì, stiamo scherzando. Anche gli scettici ridono, ogni tanto. Il pesce d’aprile è una tradizione cui è difficile rinunciare e, anzi, diventa forse ogni anno più creativo e divertente. Se vi  interessa poi conoscere un po’ di storia di questa buffa ricorrenza, qui un approfondimento degno di nota.

Hai gradito questo post? Aiutaci con una