Comunicazione di servizio: la questione dei commenti

Tutti i blog e siti di informazione online si trovano prima o poi ad affrontare la questione dei commenti, e Query on line non fa eccezione.

I commenti agli articoli in teoria permettono di confrontarsi con i lettori e di aggiungere informazioni e link interessanti, ma in pratica rischiano di causare più danni che benefici. Nella maggior parte dei casi, infatti, si crea una ristretta comunità di commentatori abituali, molto più piccola dell’effettivo numero di lettori, che finisce per parlarsi addosso e tra fuori tema, battutine e piccole faide personali rischia di rendere virtualmente impossibile una discussione costruttiva per tutti gli altri.

La questione dell’effettiva utilità dei commenti è molto dibattuta, ma stanno emergendo alcune indicazioni secondo cui non sembrerebbe valere la pena di tenerli aperti.

Questo problema si potrebbe tenere a bada almeno in teoria con una moderazione preventiva, ma si tratterebbe di un lavoro enorme che semplicemente non abbiamo le risorse per portare avanti (e a dire la verità non ne abbiamo neanche tanta voglia: persone che si dicono razionali dovrebbero essere in grado di autoregolarsi; siamo volontari e nel nostro tempo libero ci sono molte altre cose che preferiamo fare rispetto a governare adulti che si comportano come bambini).

L’unica cosa che possiamo fare è rimetterci all’autodisciplina dei nostri commentatori. Vi chiediamo quindi di tenere a mente questi principi quando commentate:

– scrivete nei commenti soltanto cose che possano interessare tutti. Va benissimo segnalare correzioni e approfondimenti all’articolo, ma se si tratta di una vostra curiosità personale usate l’indirizzo e-mail della redazione;

– evitate i fuori tema. Lo sappiamo che non è il singolo fuori tema a creare problemi, ma evitateli lo stesso, grazie.

– evitate gli attacchi personali. Non c’è bisogno di far notare ai lettori quanto è stupido quell’altro commentatore, se ne accorgono da soli. Se qualcuno vi attacca personalmente, evitate di replicare. Ricordate la prima legge del dibattito.

Aiutateci a rendere questo posto migliore per tutti dandoci la possibilità di sfruttare le potenzialità positive dei commenti: in caso contrario, ci riserviamo di bloccare i singoli commentatori o anche di chiudere del tutto la possibilità di commentare.

Grazie a tutti per la comprensione.

Immagine da xkcd, licenza Creative Commons 2.5 Generic (CC BY-NC 2.5)

Hai gradito questo post? Aiutaci con una