L’Esorcista torna al cinema 40 anni dopo

spider-walk-scene

Il 19 giugno di quarant’anni fa faceva per la prima volta capolino nelle sale cinematografiche italiane un film horror destinato a diventare una leggenda per gli amanti del genere: si tratta dell’Esorcista, diretto da William Friedkin, tratto dall’omonimo romanzo di William Peter Blatty.

Considerato uno degli horror più inquietanti di tutti i tempi, narra la storia di una ragazzina di dodici anni, Regan, vittima di possessione da parte di un demone assiro. Tra le scene entrate nella storia del cinema ricordiamo l’orrifica discesa dalle scale della bambina nell’innaturale posizione a ponte, tagliata nella versione originale e poi reintegrata in quella del 2000.

In occasione dell’anniversario della pellicola il film sarà oggi proiettato in diverse sale italiane, nella versione Director’s Cut restaurata e rimasterizzata in digitale. A questo link è possibile vedere il trailer che celebra l’anniversario e l’elenco dei cinema che aderiscono all’iniziativa.

Qui, invece, una riflessione sul tema della possessione demoniaca e dell’esorcismo sullo psico-blog di Armando De Vincentiis per MedicItalia.

Hai gradito questo post? Aiutaci con una