Pandemia, possibile sorpresa tra cinepanettoni e blockbuster

pandemia

Negli ultimi anni, la fantascienza sembra essere ritornata a interessare i cineasti di casa nostra. Ne sono una riprova alcune pellicole proposte anche a festival importanti, come ad esempio L’ultimo terrestre (2011) di Gian Alfonso Pacinotti (Gipi), noto anche per essere un famoso disegnatore di fumetto, e L’arrivo di Wang (2011) di Antonio e Marco Manetti (Manetti Bros), ben noti agli appassionati del cinema di genere.

A questi due film si aggiunge una nuova proposta che s’inserisce nel filone della “fine del mondo nel 2012” e non a caso la pellicola è uscita il 6 dicembre. Il film s’intitola Pandemia ed è del giovane regista Lucio Fiorentino, autore anche della sceneggiatura insieme a Paolo Miorandi e Alessandro Scippa. Il cast degli attori è formato da giovani: Marco Foschi, Alice Palazzi, Veronica De Laurentiis, ai quali si sono aggiunti due veterani come Massimo Foschi (noto doppiatore) e Hanna Schygulla. La pellicola, girata nel 2010, è stata prodotta dalla Transitans Film e dalla Cavecanem Cinemedia e distribuita dalla Whiterose Pictures.

Il film è stato girato a Romagnano al Monte e Castelluccio frazione di Sicignano degli Alburni, entrambe in provincia di Salerno, località scelte proprio per la loro asprezza e quindi adatte a fare da scenario a un mondo sull’orlo della fine. Nella sceneggiatura abbondano i riferimenti letterari a Niffoi, Saramago e a James Ballard, in una storia sempre raccontata da una voce fuori campo.

Ecco la trama. Siamo nel 2012. La fine del mondo è arrivata e il contagio è in atto. Le cause sono sconosciute, si sa solo che l’epidemia è arrivata con la pioggia e ha decimato la popolazione. Si fanno sentire la scarsità di acqua potabile e di generi alimentari e i superstiti, allo stremo delle forze, sono costretti al baratto di qualsiasi cosa pur di restare vivi.

In questo scenario post-apocalittico, due giovani, Arno e Lidia, intraprendono un difficile viaggio per sfuggire da desolazione e violenza, in cerca di una vita migliore. Arno torna a casa, in una piccola comunità dove tutti vagano sospesi in una lunga attesa ed in cui tutto sembra abbandonato. Qui vivono i suoi genitori, la giovane Lidia e suo nonno Simone. Attorno a loro deve essere successo qualcosa di enorme, terribile. Si parla di un’epidemia arrivata con la pioggia. Mesi, forse anni sono passati dalla diffusione del contagio. L’emergenza è ormai cronica e la vita dei sopravvissuti è organizzata tra scarsità d’acqua e rapporti umani pieni di diffidenza. Ben presto Arno scopre l’atmosfera di decadenza che attanaglia tutto e decide di ripartire. Lidia, fuggita dalle case, lo raggiunge. Lungo la strada i due ragazzi incontrano un mondo di desolazione e violenza ma anche speranza e dolcezza in cui, sullo sfondo di una natura selvaggia che cancella ogni traccia umana, portano un insensato desiderio di vita e di riscatto fino al termine del loro viaggio e ancora oltre verso le nuove piogge.

Il regista Lucio Fiorentino è nato a Napoli, nel 1969. Nel 2000 ha diretto il corto L’ombra della bellezza che ha ricevuto vari premi e riconoscimenti in molti festival nazionali e internazionali, come il premio Miglior Attrice a Sandra Ceccarelli al Fano Film Festival. L’anno seguente gira il secondo corto, Anna, dopo il quale Fiorentino si dedica all’opera documentaristica, dirigendo cinque documentari tra il 2004 e il 2012, in vari Paesi e luoghi dell’Europa e dell’Asia.

“Come genesi di Pandemia — spiega il giovane regista — inizialmente avevo alcune immagini di uomini che vagavano in una natura forte e selvaggia con la quale non hanno più nessun contatto. Poi è arrivata la suggestione che fossero circondati da qualcosa di enorme ma in apparenza nascosto. Uomini che vivessero una vita svuotata di senso, senza tempo e in giornate uguali a se stesse, come in una lunga attesa. Lentamente è arrivata l’idea che fossero dei sopravvissuti a un’enorme catastrofe arrivata con la pioggia e in attesa delle nuove piogge e forse della fine definitiva. Insomma, tranne che per la pioggia (almeno per ora non contaminata), è quello che siamo noi: sopravvissuti quotidiani in attesa della fine. Soltanto dopo ho iniziato a scoprire che le post-apocalissi sono un genere prolifico e antico quanto l’uomo anche se poco visitato dal nostro cinema. Poi tutto si è spostato su come raccontarlo e qui il desiderio di uscire dai cliché e la mancanza di soldi mi ha aiutato a spostare tutto su un piano interiore, come se la vera pandemia fosse dentro di noi.”

A proposito del cast tecnico e delle location scelte per le riprese, Fiorentino sottolinea: “Come ogni film, anche questo è fatto dell’apporto di un lavoro collettivo. Pandemia nasce all’interno di CaveCanem, un gruppo di cineasti formato da me, Alessandro Abate (che firma la fotografia) e Adriano Casale (regista e musicista). Proprio Adriano, originario di quella zona, ha messo a disposizione la casa in cui il film è ambientato e mi ha fatto conoscere quei posti così affascinanti e adatti alla mia storia. Cercavo infatti una natura poco addomesticata e che a un passo da casa ci portasse in un immaginario lontano e senza tempo. In fase iniziale mi sono ritirato in quei luoghi. La forza ancestrale scatenava di notte paure profonde e di giorno la fantasia. Lì ho scritto — ha continuato il regista — la struttura di base della storia che poi, con l’apporto di Paolo Miorandi e Alessandro Scippa, è diventata la sceneggiatura. Ma sempre obbedendo alla visione originaria: silenzio, poche parole, poco plot drammaturgico, atmosfere rarefatte, tempi dilatati. Volevo che lo spettatore, più che guardare questi uomini che si muovevano tra le cose ultime, vivesse profondamente e nelle viscere l’esperienza della sospensione dal tempo, dell’immobilità, della mancanza di futuro, dell’annullamento.”

Se lo spettatore vuole conoscere quali sono i riferimenti cinematografici che il giovane regista ha tenuto presente per Pandemia, Fiorentino è molto preciso nella risposta: “Il film è stato ispirato da cinema e letteratura. Penso a Tarkovskij, a Satantango di Bela Tarr, alla Trilogia della frontiera di Cormac McCarthy (e non a La strada, come potrebbe invece sembrare, perché è uscito dopo la stesura della mia sceneggiatura).” Un film da tenere d’occhio: in un mese in cui abbonderanno cinepanettoni e blockbuster potrebbe essere una gradita sorpresa.

Hai gradito questo post? Aiutaci con una