La conferenza di Durban e il riscaldamento globale

Si è aperta il 28 novembre a Durban, in Sudafrica, la 17ª Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico. Ancora una volta, come nel 2009 a Copenhagen e nel 2010 a Cancun, tornano sul tavolo dei negoziatori le difficoltà a raggiungere un accordo che sostituisca il Protocollo di Kyoto del 1997 (mai sottoscritto dagli Stati Uniti e non applicabile a India e Cina). Molti osservatori ritengono che lo stallo nei negoziati non verrà superato nel prossimo futuro. Sembra più probabile che si prosegua con la politica dei piccoli passi, sviluppando e portando avanti accordi specifici conclusi nei due vertici precedenti.

Nel frattempo prosegue la discussione sul riscaldamento globale, con nuovi episodi come la pubblicazione dei risultati del progetto BEST, che intendeva misurare in modo indipendente e non controverso l’andamento della temperatura terrestre negli ultimi anni e la fuoriuscita di 5000 nuove email rubate alla Climatic Research Unit, che però non sembra avere causato un nuovo Climagate.

Ci siamo occupati dell’argomento più volte (seguendo la linea che abbiamo illustrato qui) con uno speciale sul primo numero di Query e con diversi articoli su Queryonline.

Hai gradito questo post? Aiutaci con una