I segnalibri 03: fusione fredda, stazione spaziale e aurora boreale

– Il videomaker indipendente Manuel Zani, con la consulenza dell’ing. Giacomo Guidi, ha passato gli ultimi mesi a inseguire e intervistare i protagonisti della vicenda dell’E-Cat. Hanno pubblicato su Vimeo una prima versione del documentario, con l’idea di avviare

una campagna di raccolta fondi per consentirci di seguire sino alla fine la storia e montare entro la primavera 2012 il lungometraggio definitivo.

Gli autori non danno praticamente spazio ai dubbi, e il montaggio del contributo di Stefano Bagnasco non chiarisce bene la posizione del CICAP (che è quella di sospendere il giudizio in attesa di risultati sperimentali indipendenti e più solidi) ma il lavoro è ben realizzato ed è un’occasione unica per ascoltare la voce di gran parte dei protagonisti.

– Il 29 giugno scorso molti giornali hanno parlato di un rischio corso dalla Stazione Spaziale Internazionale, con titoli allarmistici come “Pioggia di rifiuti cosmici. Evacuata la stazione spaziale” o ” Un oggetto sconosciuto sfiora la stazione orbitante“. Che cos’è successo davvero? Ci hanno messo lo zampino gli UFO?

In realtà, come spiegano tra gli altri La Stampa e il New York Times, l’orbita della Stazione Spaziale è attraversata continuamente da detriti formati da micrometeoriti e resti di vecchi satelliti, tanto che è progettata appositamente con uno scudo che la protegge dai detriti più piccoli (fino a un centimetro più diametro). Occasionalmente la Stazione Spaziale può entrare in contatto con detriti più grandi, che rischierebbero di danneggiarla seriamente. In questi casi solitamente si riesce a prevedere l’impatto con sufficiente anticipo da modificarne leggermente l’orbita per evitare lo scontro. Questa volta (come era già accaduto nel 2009) il preavviso non è stato sufficiente e gli astronauti si sono precauzionalmente ritirati per una mezz’ora nella capsula Soyuz, per poi tornare alle normali attività.

– Un bellissimo video dal sito del Scientific American spiega passo per passo la formazione dell’aurora boreale, partendo da ciò che avviene sulla superficie solare fino ad arrivare al fenomeno osservato al polo.

The Aurora Borealis from Per Byhring on Vimeo.

Hai gradito questo post? Aiutaci con una